Un convegno per celebrare Sant’Antonio Abate tra storia, tradizioni e spiritualità

sant\'antonio abate 1' di lettura 14/01/2010 - La festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali e preservatore dei pericoli dell’incendio, è una giornata nel segno della devozione e degli antichi riti contadini. Una tradizione ancora vivissima nella provincia di Ascoli Piceno e molto partecipata dalla comunità locale.

In occasione di tale ricorrenza, l’Assessorato alla Gioventù del Comune di Ascoli Piceno, l’Assessorato provinciale all’Identità e Tradizioni locali, in collaborazione con il Comitato festeggiamenti della Parrocchia di San Giacomo della Marca e con l’Associazione “Il Carnevale Ascoli”, hanno organizzato sabato 16 gennaio, alle ore 9.30, a Palazzo dei di Capitani – Sala dei un convegno dal titolo “Sant’Antonio Abate: una tradizione viva”.


Saranno presenti, tra gli altri, il Sindaco di Ascoli Guido Castelli e il Presidente della Provincia Piero Celani, che porteranno il saluto delle istituzioni. Quindi, prenderanno la parola don Mario Cataldi, parroco di San Giacomo della Marca ed il prof. Mario Polia, Presidente del Centro Studi “Tradizioni Picene”. I lavori saranno coordinati dalla giornalista Marcella Rossi Spadea.


“Questa iniziativa, in collaborazione tra Enti e associazioni, è un modo di tenere viva una tradizione che conserva un legame fortissimo tra spiritualità, storia e civiltà rurale – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Andra Maria Antonini – un patrimonio culturale, religioso e civile che caratterizza l’identità picena”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2010 alle 18:10 sul giornale del 15 gennaio 2010 - 1390 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno