Presentazione dei corsi di sciescursionismo

4' di lettura 16/12/2010 -

Lo sciescursionismo ha iniziato a muovere i primi passi a metà degli anni ‘70, quando alcuni pionieri, incominciarono con gli sci ai piedi a frequentare l'ambiente innevato, sia come modo per proseguire l'escursionismo estivo, sia come vera e propria disciplina che coniugava il piacere di sciare ad un contatto intimo e libero con la montagna invernale.



Da quegli approcci iniziali, lo sciescursionismo è diventato una delle discipline contemplate e regolamentate dal Club Alpino Italiano e sul territorio marchigiano ha visto una crescita sia numerica che qualitativa. Numerosi sono stati i corsi organizzati e tenuti da istruttori qualificati, che hanno permesso ad un numero sempre maggiore di sciescursionisti di frequentare la montagna innevata. In questi ultimi anni, in cui si è vista una riscoperta ed affermazione della tecnica telemark ed una contemporaneo sviluppo delle attrezzature, lo sciescursionismo, pur conservando lo spirito iniziale, ha visto un allargamento dei propri spazi di movimento.


In virtù di questa maturazione e del nuovo assetto, in cui lo sciescursionismo è approdato nella C.N.S.A.S.A (Commissione Nazionale Scuole Alpinismo Scialpinismo Arrampicata) nella realtà marchigiana è nata la Scuola Intersezionale Sciescursionismo "Free Heel", costituita dall'unione della Scuola Nazionale Leprotto Romeo di Amandola, dalla Scuola Spazzaneve di Macerata e dal Gruppo Sciescursionismo del Cai di San Benedetto del Tronto. Diretta dall'Istruttore Nazionale Giorgio Tassi, coadiuvato dai due vice Direttori Alfei Barbara e Palestini Marzia e dalla segretaria Cesarina Pazzelli, vede nel suo organico istruttori qualificati di provata esperienza che sapranno rispondere al meglio agli impegni per la stagione invernale ormai alle porte. L'obbiettivo che la neonata scuola si propone è quello di mantenere il confronto ed implementare le sinergie tra le diverse realtà, con l'organizzazione di corsi, per neofiti e sciatori evoluti, con appuntamenti di formazione per preparare nuovi istruttori, sia sulla tecnica sciistica che sulle tematiche della prevenzione e dell'autosoccorso.


Gli appuntamenti partiranno il prossimo mese di gennaio 2011 con i corsi propedeutici di scifondoscursionismo ed i corsi avanzati di sci escursionismo: la serata di presentazione sarà il 17 DICEMBRE, alle 21.15, nelle sedei del Cai di San Benedetto del Tronto (via Firenze, 3 - zona Ischia), Amandola (via Damiano Chiesa, 3) e Macerata (via Bartolini 3).


Nel mese di marzo ci sarà poi il Raduno Sciescursionistico "L'Aquila 2011" che si terrà in Abruzzo e vedrà i partecipanti godere delle meravigliose sciescursioni sul Gran Sasso e sul Gruppo del Velino Sirente. Dal 27 marzo al 3 aprile si terrà poi la Settibianca 2011 a Passo Rolle.
Sempre nel mese di gennaio ci sarà poi la seconda annualità del Progetto Cai NO-STOP: dall'Alpinismo Giovanile allo Sciescursionismo, in collaborazione con la Commissione di Alpinismo Giovanile Marche e che vedrà i ragazzi dagli 8 ai 17 anni cimentarsi in questa disciplina. Per chi fosse interessato alle nostre attività può contattare la segreteria della Scuola FREE HEEL al numero 3381428658, oppure visitare il sito all'indirizzo www.scuolafreeheel.it.


Il Telemark

La tecnica di discesa a telemark, deve il suo nome alla regione norvegese dove la "curva inginocchiata" ebbe il suo battesimo, quando coloro che effettuavano il salto dal trampolini compresero che l'atterraggio in posizione genuflessa aumentava la superficie d'appoggio e conseguentemente maggiore stabilità. Caduta poi nel dimenticatoio per diversi decenni è stata riscoperta agli inizi degli anni ottanta, quando i telemarker si potevano contare sul palmo di una mano. Man mano si è poi diffusa su tutto il territorio nazionale, trovando terreno fertile nelle Marche, quando i primi istruttori di Amandola che andarono sulle Dolomiti per i corsi-esame, rimasero folgorati ed affascinati da questo modo di "danzare sulla neve" , da quella tecnica antica che trovava nello sciescursionismo a "tallone libero" la disciplina di eccellenza per la sua esecuzione. Oggi il telemark, pur confinato in una nicchia di appassionati, grazie anche alle nuove attrezzature ed alla tecnica elaborata dalla F.I.S.I, continua a mantenere intatto il suo antico fascino, nel piacere di sciare a tallone libero, in neve fresca, in una natura meravigliosa.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2010 alle 15:52 sul giornale del 17 dicembre 2010 - 893 letture

In questo articolo si parla di sport, csv marche, ascoli piceno, sciescursionismo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fw2





logoEV