Omicidio Rea: i legali di Parolisi ricorrono in Cassazione contro la decisione del Tribunale

salvatore parolisi e melania rea 01/09/2011 -

Nella mattinata di giovedì i legali di Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore dell'Esercito accusato di aver ucciso la moglie Melania Rea, hanno depositato il ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale del Riesame dell'Aquila del 23 agosto scorso.



Il ricorso degli avvocati Nicodemo Gentile e Walter Biscotti, contro la decisione dei magistrati di confermare la detenzione in carcere a Teramo per Parolisi, si baserebbe sulla contestazione dei dati circa l'ora della morte della 29enne di Somma Vesuviana, sull'analisi delle celle telefoniche nella zona compresa tra Colle S. Marco di Ascoli dove la donna sarebbe scomparsa e Ripe di Civitella del Tronto, in provincia di Teramo, dove è stata rinvenuta cadavere, e sulle presunte tracce di Dna estraneo ai due coniugi trovate sul corpo di Melania Rea.

Nel frattempo però le amiche della vittima Immacolata 'Imma' Rosa e Valentina Esposito, ascoltate per 3 ore ciascuna dai pm di Teramo, avrebbero ribadito i loro sospetti su Parolisi, dichiarando che il caporalmaggiore potrebbe essere il reale autore del delitto.





Questo è un articolo pubblicato il 01-09-2011 alle 20:05 sul giornale del 02 settembre 2011 - 713 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/oVn





logoEV