Orientamento al lavoro, tre nuovi progetti della Provincia

29/09/2011 -

Fornire ai giovani del territorio e alle loro famiglie strumenti ed opportunità per l’orientamento scolastico e al lavoro specie nei momenti cruciali delle proprie scelte di vita: è questo l’obiettivo perseguito dai tre nuovi progetti promossi dalla Provincia denominati “Pro Me”, “Scelta Futura” e “ORA.CRE.DI” (Orientamento alla Cultura d’Impresa).



Contenuti e modalità delle iniziative, che partiranno tra ottobre e novembre, sono stati illustrati stamani, presso gli uffici del Servizio Formazione Professionale e Politiche Attive del Lavoro, dal presidente Piero Celani, dall’Assessore al Lavoro Aleandro Petrucci, dalla dirigente dott.ssa Matilde Menicozzi. Erano anche presenti i funzionari del Servizio, Camillo Ciaralli presidente della Commissione consiliare Lavoro dell’Ente e il presidente dell’Istituto Cultura d’Impresa (I.C.I.) dott. Francesco Albertini già manager del gruppo Barilla e componente della Giunta della Camera di Commercio.

“La Provincia ha tra i suoi compiti quello di creare e favorire le migliori condizioni per l’inserimento lavorativo e professionale – ha spiegato il Presidente Celani – in questa direzione si inseriscono i tre progetti, due promossi dalla Provincia e uno in collaborazione con l’ICI, volti ad aiutare i giovani e le loro famiglie a scegliere il percorso di studi o lavorativo più adatto alle loro attitudini e talenti. Occorre creare una nuova cultura del lavoro – ha concluso Celani - abbandonando la logica del posto fisso, ma sviluppando anche lo spirito di auto-imprenditorialità ed utilizzando al meglio le proprie capacità e l’offerta formativa di eccellenza che il Piceno propone, a partire dalla scuola prima fino agli istituti superiori e le Università presenti a livello locale”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’Assessore Petrucci che ha anche ricordato “l’impegno della Provincia per la collocazione dei lavoratori disabili nell’Ente e nelle imprese del territorio nonché l’attivazione di strumenti di riqualificazione per i lavoratori espulsi dal mercato del lavoro”. Il progetto “PRO ME” ha come finalità, avvalendosi della collaborazione di psicologi del CIOF, quella di dare un concreto aiuto agli studenti che frequentano le scuole medie per una scelta consapevole del futuro percorso professionale e scolastico attraverso incontri e altre metodologie di valutazione. Analogo obiettivo si propone il progetto “SCELTA FUTURO” indirizzato agli studenti degli Istituti Scolastici Superiori favorendo parallelamente una riflessione sulle potenzialità di ogni singolo studente e sull’offerta lavorativa presente nel nostro territorio. In quest’ottica, nelle strutture dei CIOF verranno anche svolti seminari sull’aiuto alla creazione di impresa, spiegando meccanismi e procedure su regole da seguire, imposte, marketing, business plain, contratto di lavoro, busta paga. Il progetto “OR.A CRE.DI” rivolto agli studenti delle III IV e V classi delle Superiori in collaborazione con l’associazione I.C.I. si incentrerà su interventi di sensibilizzazione all'imprenditorialità giovanile per la crescita di una nuova cultura autonoma attraverso simulazioni, “role playing” e colloqui con imprenditori locali.

“Abbiamo messo in campo una task force di ben 12 psicologi per portare avanti queste attività a favore dei ragazzi e delle scuole del territorio che hanno manifestato una forte domanda, in termini orientamento” ha dichiarato la dott.sa Menicozzi. “Vorrei sottolineare due elementi - ha evidenziato il consigliere Ciaralli – l’unicità di questi progetti a livello regionale e nazionale che daranno nel tempo i loro frutti e la loro valenza ed utilità, in momenti particolarmente critici nelle scelte degli studenti, quando devono decidere il percorso futuro in terza media o al termine delle superiori”. In particolare, sul terzo progetto si è soffermato l’ing. Albertini: “L’ICI è nata lo scorso anno con l’obiettivo di diffondere la cultura d’impresa tra i giovani. In questi mesi abbiamo visitato 9 istituti e coinvolto oltre 770 studenti delle medie e superiori, prospettando loro la possibilità di diventare imprenditori, ‘per accendere la lampadina’ di quell’idea progettuale che può diventare fonte di lavoro e reddito. In questa prospettiva, ringrazio la Provincia per aver sviluppato con noi questo progetto così significativo e molto innovativo che aiuterà il nostro territorio ad affrontare meglio le sfide della globalizzazione”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-09-2011 alle 21:35 sul giornale del 30 settembre 2011 - 848 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pSQ