Scappa dai domiciliari per tornare in carcere

Carcere 1' di lettura 21/10/2012 - Meglio il carcere che la moglie.

Si potrebbe riassumere con queste poche parole la strana storia di M.V., ascolano di 45 anni, fuggito dagli arresti domiciliari per ritornare nella casa circondariale di Marino del Tronto. L'uomo è agli arresti domiciliari nella sua casa ascolana da febbraio, per reati legati allo spaccio di droga.Venerdì notte i carabinieri si recano presso l'abitazione pre verificare il rispetto della misura cautelare, ma in casa trovano solo la moglie e i figli. Dell'uomo non c'è traccia.

I militari danno subito inizio alle ricerche del latitante, ma non c'è affatto bisogno. Il 45enne infatti, si presenta la mattina presto davanti ai cancelli del carcere di Marino del Tronto, va dagli agenti di polizia penitenziaria e si costituisce. Dal carcere l'uomo spiega poi che era stanco dei continui litigi con la moglie. Meglio quindi una tranquilla e angusta cella che la turbolenta vita domestica con la consorte.






Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2012 alle 18:34 sul giornale del 22 ottobre 2012 - 1081 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti domiciliari, marco vitaloni, carcere di marino del tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Fcs





logoEV