Cupra Marittima: il regista Albano presenta il suo film 'Una Domenica Notte'

una domenica notte 5' di lettura 19/02/2013 - Giovedì 21 febbraio alle 21.15 sarà presentato "Una domenica notte" di Giuseppe Marco Albano, prima del film sarà proiettato anche Stand by me corto con cui ha vinto il Nastro d’Argento 2012. Il regista sarà in sala durante la proiezione del film,

Nuovo appuntamento con i Frammenti dalla Biennale – Frammenti di Festival al Cinema Margherita di Cupra Marittima. Giovedì 21 febbraio alle 21.15 sarà presentato Una domenica notte di Giuseppe Marco Albano, prima del film sarà proiettato anche Stand by me corto con cui ha vinto il Nastro d’Argento 2012. Albano sarà in sala durante la proiezione del film, che è il suo primo lungometraggio. Oltre a presentare il suo film parlerà con il pubblico di cinema e del suo lavoro. In sala saranno presenti anche l’attore protagonista e cosceneggiatore Antonio Andrisani e il produttore Paolo Mariano Leone.

Il film vede tra i protagonisti Antonio Andrisani, Francesca Faiella, Ernesto Mahieux, Anna Ferruzzo, Claudia Zanella. Il titolo è stato tratto dall’omonima canzone di Brunori Sas, che ha realizzato una parte della colonna sonora e compare in un cammeo.

Nastro d'argento nel 2012 con il corto 'Stand by me' , Giuseppe Marco Albano è scrittore, sceneggiatore e regista del film 'Una domenica notte', uscito il 24 gennaio 2013. Nonostante la sua giovane età ha già nel suo curriculum importanti riconoscimenti e impegno culturale; nel 2008 fonda assieme ad altri amici e collaboratori l'associazione culturale "Basiliciak", intenta a promuovere il Cinema Lucano. Il cortometraggio Il Cappellino, è finalista al Giffoni Film Festival 2009 e inoltre è tra i finalisti dei Nastri d'Argento 2011, che vincerà invece nel 2012 con Stand by me'.

Il taglio del film è quello della commedia dissacrante, imperniata su un trash volontario che sfocia in un grottesco divertente ma amaro, in quanto purtroppo tratteggiante un quadro inquietantemente (sur)reale di certi aspetti del nostro Paese. Il regista spiega così la genesi del suo film: "Sicuramente il fastidio quasi fisico ai problemi sociali e politici della mia terra, mancanza di basi culturali che permettano a ragazzi come me di fare Cinema e non solo. La salvaguardia della nostra terra a livello Cinematografico ed industriale. Matera è stata spesso set di film biblici, dal bellissimo ‘Il Vangelo secondo Matteo’ di Pierpaolo Pasolini, a ‘The Passion’ di Mel Gibson solo per citarne alcuni. Siamo sempre stati rappresentati come qualcos’altro. Quando in giro per l’Italia e per il Mondo nominavo Matera come set cinematografico, nessuno lo conosceva… molti non conoscevano neanche di cosa stessi parlando, ovvero ‘la Basilicata’."

Una domenica notte : La storia è quella di Antonio Colucci (Antonio Andrisani), 46 anni. Un uomo che avrebbe voluto essere un grande regista di film horror e che all'età di 26 anni sembrava promettere bene. Dopo il fiasco del primo lungometraggio (le cui traversie produttive relegano il film al solo mercato dell’home video tedesco) si sposa e ha un figlio. Il divorzio, la quotidianità e la mancanza di intraprendenza lo bloccano nella sua cittadina di provincia dove il miraggio del cinema lentamente svanisce. Giunto ad una età plausibilmente “di mezzo”, decide, come spesso accade, di fare un resoconto della propria vita. Il suo sogno di diventare regista di film di “genere”, nonostante il panorama e il mercato italiano del settore sia trasfigurato, non si è mai sopito del tutto, anzi, ha sempre covato dentro di lui. Decide così, di trovare i fondi per girare una sceneggiatura a budget molto basso, approfittando di una storia incentrata su un solo personaggio e location unica. Scoprirà in questa ricerca che l’orrore che lo circonda è molto più impressionante del film del terrore che vuole girare...(da www.trovacinema.it)

“Una domenica notte - è bello perché della Basilicata non si parla, la terra lucana in qualche modo c’è ma non si vede. […] L’impresa titanica dei produttori coraggiosi Angelo Viggiano e Paolo Mariano Leone di realizzare un film totalmente indipendente anche nella distribuzione, aldilà dei gusti è l’esempio di una cosa ben fatta, di un film vero. È una commedia che si beve come un the esacerbato dal troppo limone, ma che comunque scende in gola liscio e senza intoppi a lunghi sorsi. La colonna sonora di Populous, giovane salentino e in parte di Brunori sas, cantautore calabrese che con un suo pezzo dà il nome al film sono eccezionali. La regia appassiona, sa dove essere presente agli occhi di chi assiste e dove invece nascondersi dietro le terribili consapevolezze dei personaggi: alcuni movimenti di macchina sono unici e per palati fini.“ (Il Fatto quotidiano della Basilicata)

Rassegna organizzata dal Centro Culturale “J. Maritain” di Cupra Marittima, in collaborazione con CGS-ACEC “Sentieri di Cinema” ( www.sentieridicinema.it), Comune di Cupra Marittima e Regione Marche. I Frammenti dalla Biennale – Frammenti di Festival sono una rassegna cinematografica che vuole proporre uno sguardo ai film presentati al Festival di Venezia e nei più importanti festival del mondo. Ingressi: € 5,00 interi, € 4,00 ridotti e universitari Ingresso con tessera ANCCI € 4.00 Costo Tessera ANCCI: € 10,00 (valida per l’intera stagione 2012/13)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2013 alle 18:44 sul giornale del 20 febbraio 2013 - 549 letture

In questo articolo si parla di cinema, spettacoli, cupra marittima, Cinema Margherita, una domenica notte, marco albano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/JH8





logoEV