'Accendi la tua bici': parte la campagna sulla sicurezza stradale

Amici della bicicletta di Ascoli 2' di lettura 22/04/2013 - E’ iniziata in questi giorni la campagna “Accendi la tua bici”, volta a sensibilizzare la cittadinanza ad un uso corretto della bicicletta nelle ore serali. Un ciclista che si rendere visibile è un ciclista avveduto che tiene alla propria sicurezza.

Promossa dall’associazione FIAB Amici della Bicicletta di Ascoli Piceno con il contributo del Comune, la campagna ha l’obiettivo di sensibilizzare i ciclisti a rendersi visibili sulle strade.

Ad Ascoli il traffico ciclistico è in aumento, e questo è certamente un fatto positivo, in attesa che si realizzino finalmente gli interventi necessari per sostenere questa crescita. Tuttavia, un punto importante, ma troppo spesso sottovalutato da molti ciclisti, e non solo dai neofiti del mezzo, è questo: la visibilità, per il ciclista, è sinonimo di sicurezza. Nel senso che non può esserci sicurezza sulle strade se non c’è visibilità.

Non solo fanali ma anche catarifrangenti sulle ruote; infatti, la visibilità laterale delle bici sugli attraversamenti o sugli incroci, in assenza di questi ultimi, è molto problematica esponendo così i ciclisti al rischio di investimento. Per altro i catarifrangenti alle ruote sono obbligatori come previsto dall’art. 68 del codice della strada. Idonei anche i capi di abbigliamento che migliorano ulteriormente la visibilità e quindi accrescono la sicurezza.

Tutto questo può bastare per rendere le strade sicure? Certo che no, poiché la sicurezza non dipende solo da me, ma anche dagli altri, da una somma di comportamenti, di regole da rispettare e di circostanze che possono verificarsi. Ma è un indispensabile punto di partenza.

Per il ciclista, rendersi visibile sulle strade non significa solo adempiere a un obbligo prescritto dalle norme del Codice della strada: è molto di più. Significa compiere il primo passo per esercitare consapevolmente il proprio diritto a rivendicare uno spazio sicuro sulle strade, partecipare consapevolmente alla propria e altrui sicurezza, contribuire a rendere eloquente la dignità del mezzo di trasporto bicicletta sulle nostre strade.

In attesa che anche le istituzioni diano ulteriori segnali di attenzione su questo tema, facendosi carico dei propri doveri, cominciamo noi ciclisti quotidiani a fare il primo passo e a dare il segnale che vogliamo un cambiamento: facciamoci vedere, facciamoci sentire.

L’appuntamento finale è fissato presso il Battistero il giorno 27 aprile con gli AdB che distribuiranno fanali e catarifrangenti per le bici dei passanti .








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2013 alle 16:36 sul giornale del 23 aprile 2013 - 815 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, sicurezza stradale, ciclisti, biciclette, Amici della bicicletta, accendi la tua bici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/L7h





logoEV