Detassazione: accordo tra Confcommercio e sindacati anche per turismo e vigilanza privata

giorgio fiori 2' di lettura 26/07/2013 - Dopo quello per le imprese del commercio e del terziario è stato sottoscritto, tra Confcommercio e Filcams-CGIL, Fisascat-Cisl, UilTucs-Uil, un analogo accordo sindacale per la tassazione agevolata in favore dei lavoratori dipendenti delle imprese del turismo (alberghi, bar, ristoranti ecc.) e di vigilanza privata, aderenti alla Confcommercio della provincia di Ascoli Piceno.

A seguito di tali accordi le aziende aderenti a Confcommercio (e solo queste) potranno applicare l’imposta sostitutiva del 10%, sugli importi erogati nel 2013, per compensi, maggiorazioni, premi di rendimento e/o produttività, connessi alle prestazioni lavorative, collegate a indicatori quantitativi, nonché a eventuali altre prestazioni lavorative diverse rispetto ai sistemi di orario di lavoro, con la voce più rilevante riferita allo straordinario, che sarà tassato all’aliquota ridotta del 10%. Questi ulteriori accordi territoriali, integrativi di quelli quadro nazionali, si traducono sostanzialmente in un risparmio fiscale rilevante, con benefici immediati nella retribuzione netta dei lavoratori dipendenti.

“Anche questi ulteriori accordi definiti dopo quello già in essere per il commercio - ha precisato il direttore Giorgio Fiori - premiano il lavoro, la produttività e favoriscono una maggiore trasparenza fra lavoratori e datori di lavoro, confermando nel contempo l’impegno concreto e congiunto delle parti ad agevolare, in un momento difficile per l’economia ed il lavoro, soprattutto nel Piceno, la competitività delle imprese e la crescita dei salari di produttività. I nuovi accordi hanno validità per tutto l’anno 2013 e pertanto, le maggiori tassazioni già applicate per i periodi di paga a tutto il corrente mese di luglio, andranno compensate con le mensilità successive”. ”Un’ultima particolarità dei predetti accordi – aggiunge Fiori – è che le imprese maggiori degli stessi settori turismo e vigilanza privata che hanno magari unità produttive collocate nell’ambito di più province, potranno applicare le agevolazioni fiscali anche ai dipendenti in forza presso sedi o unità operative situate al di fuori della provincia di Ascoli Piceno”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2013 alle 16:32 sul giornale del 27 luglio 2013 - 583 letture

In questo articolo si parla di attualità, sindacati, turismo, confcommercio, accordo, Confcommercio di Ascoli, vigilanza privata, giorgio fiori, detassazione, Filcams-CGIL, Fisascat-Cisl, UilTucs-Uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/PWZ





logoEV