Vivere Senzaetà: farmaci d'estate. Le regole d'oro per un agosto in salute

3' di lettura 02/08/2013 - Anche d’estate può capitare di ammalarsi. Una febbre, un mal di gola, placche fuori stagione sono sempre dietro l’angolo, nonostante la calura estiva. Certamente la bella stagione aiuta a guarire più rapidamente da questi malanni, tuttavia può capitare che il medico ci consigli di assumere qualche particolare farmaco per accelerare la guarigione.

Con il caldo tropicale che si è abbattuto nel mese di luglio sul Piceno è difficile, soprattutto nel fine settimana, non cercare un po’ di fresco recandosi verso la costa, magari a trascorrere un tranquillo weekend di mare.

Per chi sta assumendo farmaci, però, è opportuno rispettare alcune regole per prevenire spiacevoli effetti collaterali e trasformare una gita in spiaggia in una gita dal medico.

L’Agenzia Italiana del Farmaco suggerisce alcune semplici precauzioni su conservazione, trasporto e corretta assunzione dei medicinali da adottare per un’estate in salute.

Ecco alcune regole da osservare:

1. Qualora l’aspetto del medicinale che si utilizza abitualmente appaia diverso dal solito o presenti dei difetti, consulta il medico o il farmacista prima di assumerlo.

2. Nel caso di un farmaco presente in diverse forme farmaceutiche e in assenza di specifiche controindicazioni, sono preferibili le formulazioni solide rispetto a quelle liquide che sono in genere maggiormente sensibili alle alte temperature.

3. Nel caso non sia possibile conservarlo in frigo trasportalo in un contenitore termico. Evita sempre, comunque, di esporli a fonti di calore e a irradiazione solare diretta.

4. Se esponi i medicinali per un tempo più lungo di 1-2 giorni a temperature superiori a 25° ne riduci considerevolmente la data di scadenza.

5. Evita l’uso di contenitori (portapillole) non esplicitamente destinati al trasporto di farmaci, in quanto potrebbero alterare le caratteristiche del medicinale.

6. Se utilizzi farmaci in forma pressurizzata (spray), evitane l’esposizione al sole o a temperature elevate e utilizza contenitori termici per il trasporto.

7. Evita di conservare in luoghi umidi o eccessivamente caldi qualsiasi striscia per test diagnostici (come test di gravidanza, ovulazione o verifica dei livelli di zucchero).

8. I farmaci per la tiroide, e altri medicinali che contengono ormoni sono particolarmente sensibili alle variazioni termiche.

9. Tieni presente che anche il freddo eccessivo può causare alterazioni dei farmaci. Non conservali a temperature inferiori ai 2° C.

10. Non inserire farmaci diversi in una sola confezione e non mescolarli in uno stesso contenitore: potresti avere poi delle difficoltà a riconoscerli.

11. Se devi affrontare un lungo viaggio in auto, evita invece il bagagliaio che potrebbe surriscaldarsi eccessivamente.

12. Se devi necessariamente spedire dei medicinali scegli sempre le compresse o comunque forme solide.

13. Alcuni farmaci possono causare reazioni da fotosensibilizzazione a seguito dell’esposizione al sole. Controlla attentamente le istruzioni.

14. In soggetti ipertesi la terapia potrebbe richiedere un riadattamento da parte del medico/specialista nel periodo estivo.

15. Intorno agli occhi, nel periodo estivo, non utilizzare prodotti che con il calore potrebbero entrare a contatto con la superficie oculare.

Nella scorsa uscita: Fragole, mirtilli e melograni. Gli 'amici' delle donne






Questo è un articolo pubblicato il 02-08-2013 alle 15:06 sul giornale del 03 agosto 2013 - 847 letture

In questo articolo si parla di attualità, estate, salute & benessere, farmaci, caldo, precauzioni, Vivere Senzaetà

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/QeQ





logoEV