Pochi anestesisti, sedute operatorie ridotte al Mazzoni. Fabiani: 'Piceno Cenerentola delle Marche'

ospedale mazzoni 1' di lettura 02/09/2013 - Le sale operatorie del Mazzoni in crisi per mancanza di anestesisti. I tagli alla sanità stanno creando non pochi danni alla qualità del servizio sanitario del Piceno, con l'ospedale del capoluogo costretto a ridurre le sedute operatorie per mancanza di personale.

Francesco Fabiani Segretario della UIL Pensionati di Ascoli Piceno esprime forti preoccupazioni su questo tema: ''Risulta evidente come ancora una volta siano i cittadini a pagare le carenze organizzative ed economiche della sanità marchigiana ed in particolare il Piceno che è ormai diventata la 'Cenerentola delle Marche' per tutte le vicende sociali ed economiche.

Al Piceno da alcuni anni vengono fatti “pagare tutti” tutti i costi, e tagliati tutti i servizi, ridotte tutte le risorse per ogni ipotersi di sviluppo del nostro territorio. Le attività sono sempre di più spostate sull’asse Macerata/Ancona con enorme silenzio dei nostri politici locali.

Anche la vicenda degli anestesisti del Mazzoni segue lo stesso iter (carenza di risorse, di fondi e di personale) tutto a discapito del nostro territorio''.


da Francesco Fabiani 
Segretario Uil Pensionati


 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2013 alle 11:36 sul giornale del 03 settembre 2013 - 1935 letture

In questo articolo si parla di attualità, sala operatoria, anestesia, tagli alla sanità, ospedale ascoli, tagli al personale, francesco fabiani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Rd3