Haemonetics: più di un centinaio al corteo contro la messa in mobilità

06/09/2013 - Erano oltre un centinaio i lavoratori Haemonetics che si sono riuniti ad Ascoli Piceno per manifestare contro la messa in mobilità, da parte della multinazionale, di 185 dipendenti dello stabilimento del posto.

Il corteo precede l’incontro programmato per lunedì 9 settembre presso la sede di Confindustria Ascoli, tra l’azienda e i sindacati, in cui la Haemonetics sarà chiamata a fare qualche proposta ai suoi lavoratori per sbrogliare la complicata situazione.

Durante l’incontro si cercherà di appianare le divergenze tra le parti, soprattutto quelle che riguardano la mancata applicazione del contratto integrativo, promesso già dalla vecchia proprietà e che coinvolge 130 lavoratori. Inoltre, rimane viva la questione del trattamento economico, con la richiesta di conversione del contratto da ‘’metalmeccanico’’ a ‘’settore sanitario’’.

Le parti sembrano ancora lontane, ma non c’è dubbio che qualcosa debba muoversi in breve tempo se l’azienda ha intenzione di vendere la proprietà.

Cordate di imprenditori locali e non starebbero alla finestra a monitorare la situazione però, con tutte le vertenze in sospeso che la Haemonetics ha coi suoi dipendenti, le trattative per l’acquisizione non possono certo andare avanti, con una conseguente situazione di stallo anche su questo fronte.


di Michele Piccioni
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2013 alle 17:55 sul giornale del 07 settembre 2013 - 889 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, redazione, ascoli piceno, manifestazione, ascoli, vivere ascoli, lavoratori, Michele Piccioni, haemonetics, trattative

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Rql





logoEV