Castel di Lama: bambina gioca in un prato e si punge con una siringa

siringa 14/09/2013 - Un fatto che ha dell’incredibile è avvenuto nella mattinata di venerdì 13 settembre a Castel di Lama, quando una bambina di tre anni che giocava nel giardino della scuola materna di via Carrafo si è punta con una siringa.

L’incidente è avvenuto sotto gli occhi della madre, che stava controllando la figlia mentre si divertiva nell’erba del prato.

Mentre giocava, però, la bimba si è imbattuta in una siringa, lasciata con ogni probabilità da qualche tossicodipendente e, raccogliendola, si è punta prima che la madre potesse accorgersi di quanto accaduto. Vedendo sua figlia in lacrime e capendo quale fosse stata la causa della sua ferita, la donna ha subito disinfettato la mano della piccola e l’ha poi portata all’ospedale di Ascoli per i controlli che hanno, fortunatamente, escluso infezioni di qualsiasi tipo.

Un fatto increscioso che dimostra come, in zone come quella in cui è avvenuto il fatto, ci sia bisogno di maggiore illuminazione e di recinzioni che tengano alla larga individui come chi ha abbandonato la siringa in un luogo frequentato da bambini.


di Gabriele Ferretti
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2013 alle 11:23 sul giornale del 16 settembre 2013 - 3623 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, ascoli piceno, scuola materna, bambina, castel di lama, giardino, infezioni, tossicodipendente, siringa, gabriele ferretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/RKY





logoEV