Tares: le 5 proposte di Confcommercio per limitarne i danni

25/09/2013 - Già dallo scorso febbraio la Confcommercio aveva lanciato l'allarme Tares, stigmatizzando che il nuovo tributo comunale sui rifiuti e servizi, avrebbe comportato, anche per le imprese del terziario, un impatto drammatico ed insostenibile.

Ed in questi giorni con l'arrivo delle prime richieste di pagamento da parte di alcuni Comuni è per così dire ''scoppiata la bomba'' Tares, perché diverse attività commerciali si sono viste incredibilmente triplicare il costo dell'imposta usuale dei rifiuti.

E così la stessa Confcommercio è tornata prontamente a mobilitarsi chiedendo, a tutti i Sindaci della provincia di Ascoli Piceno, di ridurre il peso della Tares sulle attività del commercio, turismo e servizi.

Con lettera, a firma del presidente Fausto Calabresi e del direttore Giorgio Fiori, l'Associazione, facendo riferimento anche al recente decreto legge 102 del 31 agosto ed alla possibilità data dunque a tutti i comuni di rimodulare i regolamenti della Tares entro il termine di chiusura dei bilanci del 30 novembre, chiede agli stessi sindaci di mitigare l'impatto del tributo sulle attività che pagano molto, rispetto ai rifiuti realmente prodotti.

In sintesi, Confcommercio avanza 5 proposte chiedendo di escludere dalla tassazione le aree scoperte accessorie, che in attività come bar, ristoranti, alberghi, concessionari d’auto ed in generale tutti gli esercizi commerciali, hanno una forte incidenza, senza essere operative; di prevedere aliquote differenziate a seconda dell'effettiva destinazione d'uso delle superfici coperte aziendali; di applicare notevoli riduzioni tariffarie a quelle imprese che volontariamente o per provvedimenti amministrativi destinino i loro rifiuti, tramite raccolta differenziata al recupero o al compostaggio, ovvero a ditte di smaltimento private.

Confcommercio chiede altresì ai sindaci di prevedere la riduzione delle tariffe locali, come incentivo per la costituzione di nuove imprese e per quelle che incrementano l'occupazione, soprattutto con giovani o inoccupati over 50, considerando che il beneficio sociale andrebbe a compensare il minor introito comunale.

Infine Confcommercio chiede agli stessi Comuni di usufruire della possibilità prevista dalla norma, di rinviare il pagamento di una o più rate della Tares al 2014, al fine di mitigare questo fine anno 2013, già particolarmente pesante sul fronte delle imposte.

''Ci rendiamo conto che anche i Sindaci devono fare i conti con le loro ristrettezze economiche - sottolinea il presidente Fausto Calabresi - ma ci auguriamo che alla fin fine tutti i comuni del Piceno facciano proprie le nostre istanze poiché le aziende del commercio, turismo e servizi rappresentano un patrimonio economico, ma anche sociale per i centri storici, i quartieri ed i paesi minori e pertanto se la gran parte di queste stesse imprese dovesse inevitabilmente chiudere, a causa dell'eccessiva ed insostituibile tassazione, se ne avrebbero conseguenze drammatiche, con risvolti ben intuibili per l'intera comunità''.

''Un punto di equilibrio - aggiunge Giorgio Fiori - tra le esigenze di bilancio dei comuni e le legittime richieste delle imprese commerciali va trovato, nell'interesse più generale, ed a tal proposito ci siamo già messi a disposizione di tutte le amministrazioni per ogni più utile e razionale confronto''.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2013 alle 15:10 sul giornale del 26 settembre 2013 - 2647 letture

In questo articolo si parla di economia, rifiuti, Confcommercio di Ascoli, imposta, giorgio fiori, soluzione, proposte confcommercio, danni aziende, tares

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Sd7





logoEV