Calcio: Ascoli. L’analisi della vittoria a Grosseto e il punto sulla 6ª giornata

ascoli calcio 2' di lettura 08/10/2013 - Un Ascoli Calcio cinico ma che ha giocato l'intera gara di rimessa, esce dallo ‘Zecchini’ di Grosseto con i 3 punti in tasca. Paradossalmente, guardando la formazione schierata all’inizio da mister Rosario Pergolizzi, ci si aspettava un Ascoli all’attacco. Tutti gli elementi offensivi bianconeri infatti, facevano parte dell’undici titolare: Falzerano, Tripoli, Malatesta e Vegnaduzzo.

Invece, il Picchio è stato abile a far fare la partita ai Grifoni, pungendo però nell’unica vera occasione da gol. Così un tocco sporco di ‘El Tanque’ Vegnaduzzo, ha regalato la vittoria ai Piceni, seguiti da almeno 60 sostenitori che nel minuto di silenzio per le vittime di Lampedusa hanno intonato l’Inno di Mameli.

Una vittoria che dà morale, figlia anche della poca concretezza sotto porta degli Unionisti. Molto gioco e possesso palla per i biancorossi ma in avanti non c’è il bomber che la butta dentro. La vivacità di Esposito, che aldilà dell’errore dal dischetto ha giocato una buona partita, non è bastata.

Un dato su tutti: 13 calci d’angolo a 0 per il Grosseto, un po’ a dimostrazione del fatto che la partita si è giocata nella metà campo dell’Ascoli.

L’ottimo Russo conferma le doti fornite finora e salva i bianconeri dal gol deviando fuori il calcio di rigore. Linea difensiva che in fondo ha saputo controllare bene gli sterili attacchi dei ‘torelli maremmani’, obbligandoli al tiro da fuori. Centrocampo privo di molti uomini che seppur non ha prodotto chissà quale gioco, ha contribuito a portare a casa l’intera posta in palio senza neanche grossa fatica. Concreto l’attacco dei bianconeri, con l’argentino Vegnaduzzo che si è fatto trovare pronto.

Ascoli che non ha giocato di certo la sua miglior partita ma nel calcio si sa, vince chi butta la palla in rete.

La 6ª giornata di Lega Pro Prima Divisione Girone B ha visto riposare il Catanzaro. Pontedera sempre in testa alla classifica con 16 punti dopo la vittoria sul campo del Pisa, con a sole 3 lunghezze L’Aquila, vincente a Salerno, e il Frosinone che si è imposto sulla Paganese al 90°. Fanalino di coda sempre il Lecce, che ha ottenuto contro il Barletta il primo punto stagionale.

Il Benevento, reduce dalla sconfitta contro la capolista, batte 1 a 0 la Nocerina, mentre Prato-Perugia e Viareggio-Gubbio terminano 2-2.

Risultati:
Benevento-Nocerina 1-0
Frosinone-Paganese 2-1
Grosseto-Ascoli 0-1
Lecce-Barletta 0-0
Pisa-Pontedera 1-2
Prato-Perugia 2-2
Salernitana-L’Aquila 0-1
Viareggio-Gubbio 2-2
Riposo: Catanzaro

Classifica:
Pontedera 16
L’Aquila 13
Frosinone 13
Pisa 11
Benevento 10
Prato 10
Catanzaro 9
Perugia 8
Salernitana 7
Ascoli 6 (-1)
Grosseto 5
Viareggio 4
Gubbio 3
Paganese 3
Barletta 2
Nocerina 1 (-2)
Lecce 1


di Rocco Bellesi
redazione@vivereascoli.it
 









logoEV