Calcio: 'Solo per l'Ascoli'. La società ha deluso le aspettative, chiuso ogni rapporto

2' di lettura 30/10/2013 - Anche il nuovo cda si è dimostrato completamente inaffidabile, è stata tradita la nostra fiducia iniziale. A distanza di tre settimane dall’incontro che abbiamo avuto con il nuovo presidente Guido Manocchio, siamo costretti a chiudere ogni sorta di dialogo con la società. Per perseguire l’obiettivo della nostra fondazione e difendere la storia dell’Ascoli, dovremmo per forza di cose rivolgerci ad altri interlocutori.

Come noto, la nostra associazione, che può contare già su più di 500 iscritti in meno di un mese, aveva deciso di dare tempo e aspettare alla prova dei fatti il nuovo consiglio di amministrazione insediatosi lo scorso 30 settembre. In data 4 ottobre, siamo stati contattati dall’addetta stampa dell’Ascoli che ci ha chiesto un incontro.

Il giorno 9 ottobre una nostra delegazione ha discusso con Guido Manocchio e Nico Stallone. In quella sede ci assicurarono il pagamento degli stipendi e delle pendenze fiscali e contributive di metà ottobre. E invece sono state necessarie le liberatorie dei giocatori. Inoltre promisero che si sarebbe affrontata la questione dei fornitori che attendono di essere pagati attraverso un piano di rientro. Da allora non è accaduto nulla di tutto questo.

L’associazione chiese anche di allontanare almeno dal Del Duca e dal Città di Ascoli un personaggio sgradito alla tifoseria che ufficialmente si occupa di marketing. Anche qui non è cambiato niente anzi c’è dentro anche un suo parente stretto. Non solo, Manocchio nel suo discorso di insediamento, aveva garantito anche molto altro, tra cui ad esempio l’approvazione del bilancio e l’aumento del capitale sociale, cose che puntualmente non si sono verificate. Siamo stati chiamati, li abbiamo ascoltati, ma dopo un mese nessuna promessa è stata mantenuta.

Tutto ciò dimostra che non sono minimamente credibili, pertanto con loro chiudiamo ogni sorta di dialogo e non risponderemo più a nessuna chiamata. L’impegno della nostra associazione però non si ferma e a breve organizzeremo una tavola rotonda con le istituzioni pubbliche e private della città e del territorio interessate al destino della nostra squadra del cuore, per capire quale può essere il futuro prossimo dell’Ascoli Calcio 1898. Mantenere l’ascolanità è la priorità di ogni tifoso bianconero.

C’è una storia centenaria da difendere che non può essere infangata, un patrimonio sociale da non disperdere. Lavoreremo per questo, ci confronteremo con tutti e mano a mano valutaremo il da farsi escludendo chi si dimostra inaffidabile.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2013 alle 13:31 sul giornale del 31 ottobre 2013 - 1475 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, ascoli piceno, ascoli, ascoli calcio, delusione, manocchio, solo per l'ascoli, nico stallone, ascoli 1898, aspettative, rapporti chiusi, tifosi bianconeri, nico stellone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/TOG


virgilio mietti

31 ottobre, 10:15
quando dicevo che solo un fallimento, peraltro da scongiurare sempre, poteva togliere questo bel giocattolo dalle grinfie di certa gente...da scongiurare ma sarebbe un repulisti totale, piazza pulita, altrimenti questi vanno avanti portando la loro barzelletta in tutta italia dove ridono e ridono ancora di una povera squadra senza il becco d'un quattrino nemmeno per accendere ma che dico un pulman, nemmeno un cero...da anni andiamo avanti con punti di penalizzazione, ma ad essere penalizzata è poi in fondo la dignità del nostro territorio in toto, dove vorrei solo sognare una squadra che rappresenti con dignità la nostra passione vera, senza essere derisi scherniti o infangati ehhh...