Striscione di CasaPound contro i licenziamenti Telecom

1' di lettura 17/01/2014 - "-73, la Telecom ODIA le Marche". Questo lo striscione apparso nella notte ad Ascoli nei pressi degli uffici Telecom in via Sardegna. Ad affiggerlo i militanti di CasaPound in segno di protesta contro la chiusura di tre sedi, tra cui quella ascolana, su quattro del servizio commerciale 187 nel territorio marchigiano.

"A fare le spese di questa assurda decisione - si legge in una nota di CPI Ascoli - concordata dall'azienda con Cgil, Cisl e Uil saranno sia i 73 dipendenti che rimarranno senza lavoro sia i rimanenti, costretti ad un telelavoro senza garanzie o a spostarsi di centinaia di chilometri, in barba a famiglie e spese da sostenere".

"Non possiamo - prosegue il comunicato - assistere indifferenti alla distruzione di un'azienda sostenuta per anni ed anni da tasse e sacrifici dei cittadini italiani che ora si vedono ripagati con chiusure e tagli al personale".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-01-2014 alle 10:54 sul giornale del 18 gennaio 2014 - 1039 letture

In questo articolo si parla di politica, ascoli piceno, telecom, CasaPound Italia Marche, casapound, striscione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XbZ





logoEV