Tentato furto ai danni degli uffici della Provincia. Ascoli in balìa dei ladri

Nel mese di gennaio Ascoli sembra essere stata presa d’assedio dai ladri, che continuano a colpire senza sosta, in ogni angolo della città. Stavolta è toccato agli uffici della Provincia di via Mazzini, dove nella notte tra mercoledì 29 e giovedì 30 un gruppo di malviventi ha fatto irruzione alla ricerca di denaro nascosto.

Gli uomini hanno usato come entrata una finestra ed hanno forzato la serratura di una porta e, una volta all’interno, hanno iniziato la loro ricerca, mettendo a soqquadro gli uffici. La mattina seguente gli impiegati hanno chiamato subito le Forze dell’Ordine per i controlli di rito.

Fortunatamente, i ladri non hanno portato via niente dai locali, nemmeno computer o altre attrezzature rivendibili. In seguito, sono intervenuti gli uomini della Scientifica per cercare di risalire alle impronte dei malviventi. La notizia è stata diffusa soltanto nella giornata di venerdì 31 per dare modo alle autorità di fare tutte le indagini del caso, visto che a dicembre lo stesso destino era capitato agli uffici del Comune. 

E’ il quarto caso in un solo mese. In città sale la preoccupazione anche tra i proprietari di esercizi privati, nonostante la tendenza abbia dimostrato come ad essere presi di mira siano soprattutto istituzioni ed associazioni.

Una situazione che bisogna arginare nel più breve tempo possibile, perchè a questo ritmo le conseguenze del fenomeno saranno imprevedibili. Molti hanno già montato impianti di sorveglianza, ma perché le cose tornino alla normalità è necessario agire per far diminuire drasticamente il numero di furti e ridare agli ascolani la tranquillità che meritano.


di Gabriele Ferretti
[email protected]
 




Questo è un articolo pubblicato il 31-01-2014 alle 18:59 sul giornale del 01 febbraio 2014 - 907 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di cronaca, furti, ascoli piceno, furto, provincia, gabriele ferretti

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/XQm

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.