Coalac, incontro in Regione. Castelli: 'Ascoli non è in perdita, chi sostiene il contrario deve dimostrarlo'

guido castelli 17/02/2014 - All'incontro che si è tenuto in Regione nella mattinata di lunedì 17 febbraio per discutere della situazione della Centrale del latte di Ascoli Piceno, era presente anche il sindaco della città, Guido Castelli.

Ecco quanto riportato sulla pagina Facebook del sindaco.

È stato un confronto con toni anche molto aspri quello che si è svolto in Regione sul tema della Centrale del Latte di Ascoli e che, su iniziativa del governatore Spacca, ha visto il primo "scontro diretto" tra il presidente lodigiano di Cooperlat Baietta e il sindaco Castelli. Oggetto della disputa tra il primo cittadino ascolano e lo staff dirigenziale della Cooperlat le presunte perdite dello stabilimento ubicato lungo l'asse attrezzato; perdite che Castelli ha confutato punto per punto esibendo dati e numeri raccolti a gran fatica e malgrado il "segreto aziendale " imposto sui conti della centrale dalla Cooperlat. "Secondo la mia ricostruzione il latte fresco lavorato ad Ascoli porta lo stabilimento in attivo per non meno di 1 milione di euro. Anzi, forse il guadagno è anche maggiore, probabilmente doppio." Il sindaco ha poi ulteriormente precisato: "I conti esibiti da Cooperlat non hanno convinto nessuno tanto che il presidente Spacca, che ringrazio per la sensibilità dimostrata, ha chiesto ed ottenuto un rinvio della riunione affinché l'azienda esibisse i numeri specificamente attribuibili alla centrale del latte di Ascoli. Le perdite della Cooperlat si annidano altrove. Non certo ad Ascoli che rischia di dover pagare le cattive gestioni di altre realtà riconducibili a Cooperlat. Ad esempio Abit Piemonte, partecipata all'82% da Coperlat che perde due milioni e mezzo all'anno da parecchio tempo. Per non dire di fattorie marchigiane che pure presentano conti molto poco incoraggianti. Baietta sostiene che la decisione relativa alla chiusura di Ascoli è già presa ma la Cooperlat non potrà sottrarsi all'obbligo di trasparenza che tutte le istituzioni chiedono di onorare anche alla luce delle premialitá fiscali e dei finanziamenti pubblici di cui la cooperativa è stata ed è beneficiaria".

Prossimo round convocato per venerdì pomeriggio in Regione.


di Redazione
redazione@vivereascoli.it



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2014 alle 16:26 sul giornale del 18 febbraio 2014 - 1433 letture

In questo articolo si parla di lavoro, redazione, cooperlat, ascoli, guido castelli, centrale del latte di ascoli, coalac

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YC9