'Happy School', il progetto sperimentale di scuola bilingue a tre anni finanziato dal Bim Tronto

I genitori del Piceno che, in questi giorni, stanno presentando la domanda di iscrizione al primo anno della Scuola dell’Infanzia per i propri bambini quest’anno possono, tra le varie opportunità presenti in città, prendere in considerazione quella del progetto sperimentale di bilinguismo “Happy School” promosso dall'Istituto Scolastico Comprensivo “Borgo Solestà – Cantalamessa” in collaborazione con la “British School of English- CSA” e l’associazione FlyCommunication.

“Happy School” sarà finanziato dal Bacino Imbrifero del Tronto, da sempre disponibile nei confronti della scuola del territorio per supportare l’innovazione didattica e la formazione dei giovani. Il Presidente Luigi Contisciani ha, in questo caso, apprezzato molto l’idea di questa proposta rivolta per il momento ai più piccoli, ma che successivamente potrebbe diventare un modello per un percorso di bilinguismo nella scuola di base da diffondere su tutto il territorio ascolano.

“Imparare l’inglese quando è più facile impararlo”: questo è lo slogan del progetto che, come afferma la Dirigente Scolastica dell’ISC , Dottoressa Silvia Giorgi, punta ad avvicinare i più piccoli alla lingua inglese precocemente perché “gli anni della prima infanzia , che sono in assoluto i più formativi nella vita scolastica del bambino, si prestano all'acquisizione di una seconda lingua in modo naturale e piacevole. Il bambino piccolo, diversamente dall'adolescente e dall'adulto, è molto ricettivo e in grado di acquisire con facilità la fonetica, i vocaboli, le strutture della seconda lingua lingua. Oltretutto l’approccio precoce alla lingua inglese è fortemente raccomandato anche nelle Indicazioni nazionali per il Curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione (D.M. 254 del 16 novembre 2012), che prevedono già nella scuola dell’infanzia occasioni di contatto con altre lingue e inserito, anche se soltanto come dichiarazione di intenti nell’articolo riguardante il potenziamento dell’offerta formativa della Legge di conversione 128/2013 recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca”.

Il progetto sarà svolto nel Plesso “Angela Latini” di Mozzano a pochissimi chilometri dalla città, una struttura accogliente di recente costruzione, con spazi ampi e confortevoli, arredi moderni e funzionali, una mensa interna e un bel giardino esterno, che sarà aperta per le visite il giorno 20 febbraio dalle 10,30 alle 11,30 e dalle 14 alle 15.

Nel percorso proposto è prevista per l'intero anno scolastico con tre interventi settimanali e in forma completamente gratuita la presenza di un'insegnante madrelingua che, affiancata dalle docenti curricolari adeguatamente preparate, porterà avanti la ordinaria progettazione scolastica di gioco, motricità, manualità, canto ecc interagendo con i bambini in lingua inglese. Un giorno a settimana sarà inoltre dedicato al progetto, sempre in lingua inglese: “Teatro ed espressione corporea” tenuto da personale esperto che accompagnerà i piccoli alunni alla scoperta della propria corporeità ed espressività.

I bambini e le bambine inseriti all'interno della sezione bilingue sperimenteranno così un approccio spontaneo in cui l'acquisizione della nuova lingua avverrà naturalmente non in modo consapevole ma inconscio, in un ambiente ricco e coinvolgente dal punto di vista linguistico, cognitivo e affettivo all’interno di una scuola non “di lingua” ma “ in lingua”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2014 alle 13:06 sul giornale del 18 febbraio 2014 - 1091 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, bim tronto, happy school

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/YCE

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.