Protesta contro i falsi invalidi. Carrozzine davanti al Tribunale

tribunale di ascoli Si è tenuta nella mattinata di giovedì 20 febbraio, dalle 10 alle 12, la manifestazione contro i falsi invalidi, annunciata nei giorni scorsi dalle associazioni Aniep, Pagefha, Centro servizi volontariato, Associazione Sclerosi multipla e Cittadinanzattiva.

I manifestanti si sono radunati davanti al Tribunale di Ascoli, con lo slogan: ''Vuoi il mio parcheggio? Prendi anche il mio handicap'' ed hanno occupato i parcheggi blu con le loro carrozzine. Un modo per protestare contro la tendenza, ancora lontana dall'essere eradicata, di parcheggiare nei posti riservati ai disabili.

Recentemente, proprio ad Ascoli, si era registrato un episodio increscioso in cui addirittura un'auto della Polizia Municipale si era fermata nei parcheggi ''gialli''.

Una manifestazione appoggiata anche dalle istituzioni e dalla Saba, che gestisce i parcheggi in tutta Ascoli. La protesta è rivolta anche verso coloro che sono in possesso di autorizzazioni false o che, disponendo di un permesso riservato a qualche membro della famiglia portatore di handicap, si approfittano della cosa per posteggiare liberamente nelle zone riservate.

Quest'ultima forma di trasgressione è quella che fa più discutere perchè molti non sanno che, a rigor di legge, si può usufruire della agevolazioni fornite dal permesso solo se in auto si ha la persona diversamente abile.


di Gabriele Ferretti
[email protected]
 




Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2014 alle 16:00 sul giornale del 21 febbraio 2014 - 948 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di parcheggi, ascoli piceno, gabriele ferretti, tribunale di ascoli, manifestazione disabili, parcheggi disabili

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/YNJ

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.