Comunanza: fondi europei 2014-2020, la Regione Marche a confronto con il territorio

27/02/2014 - Prosegue il percorso aperto e integrato che accompagna il territorio verso la nuova stagione di programmazione dei fondi europei 2014-2020 e che intende fare delle Marche una regione intelligente, sostenibile ed inclusiva. Lo ha riaffermato oggi l’assessore alle Politiche Comunitarie, Paola Giorgi, dall’Auditorium di Comunanza, dove si è svolto il quarto appuntamento di ascolto del partenariato sulla futura programmazione avviato nel luglio 2013.

Ampia e qualificata la partecipazione all’appuntamento che “ha consentito di proseguire quel percorso aperto ed integrato verso la nuova stagione di programmazione dei fondi europei - ha dichiarato l’assessore Giorgi e che intende fare delle Marche una regione intelligente, sostenibile ed inclusiva. Ciò soprattutto alla luce dell’incremento dei fondi europei destinati alla regione e che, dopo l’accordo con il Ministro per la Coesione, porterà sul nostro territorio circa 637 milioni di euro".

Organizzato in collaborazione con il Bacino Imbifero Montano (BIM) di Tronto, l’incontro di Comunanza ha consolidato il confronto tra istituzioni locali, imprese, terzo settore, mondo associativo, tecnici, esperti e parti sociali sulle metodologie, la qualità e l’efficacia dei futuri investimenti delle risorse europee. Il ruolo fondamentale del partenariato è stato rappresentato dagli interventi delle associazioni datoriali economiche e sociali e dalla Camera di Commercio di Fermo con il presidente, Graziano Di Battista.

Le parole chiave emerse nel corso del confronto sono state innovazione e internazionalizzazione, made in Italy, nuove imprese tecnologiche accesso al credito, energia e mobilità.

Quattro i focus tematici di confronto organizzati durante la mattinata: “Piccole e medie imprese: innovazione ed internazionalizzazione”; “Agenda digitale”; “Energia, mobilità sostenibile, rischi ambientali”; “Valorizzazione delle risorse culturali nelle aree interne”. I risultati dei workshop tematici sono stati presentati nella partecipata sessione plenaria pomeridiana. Dalla discussione sono emersi alcuni spunti chiave su cui il territorio marchigiano e i suoi attori istituzionali, imprenditoriali e sociali saranno chiamati a scommettere per investire al meglio le risorse della programmazione 2014-2020. Primo fra tutti il dialogo continuo fra istituzioni e partenariato, ma anche e soprattutto la capacità progettuale e la tempestività attuativa. “Continuiamo a parlare di futura programmazione – ha detto l’assessore – ma in realtà siamo già entrati pienamente in questo futuro. L’Accordo di Partenariato fra Stato e Commissione europea è già in fase avanzata e nei giorni scorsi abbiamo incasellato un ulteriore importante tassello con l’accordo fra Regioni e Ministro per la Coesione che vede assegnare alla Regione Marche circa 637 milioni di euro per il Programma Operativo FESR e FSE 2014-2020.

"Ciò significa – ha continuato Paola Giorgi – che a breve dovremmo portare a conclusione la nostra proposta di Programma Operativo e passare rapidamente agli investimenti sul territorio. Per tale motivo – ha concluso - questi appuntamenti con gli attori territoriali assumono un significato sempre maggiore e concreto”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-02-2014 alle 17:51 sul giornale del 28 febbraio 2014 - 1802 letture

In questo articolo si parla di regione marche, economia, fondi europei, comunanza, Paola Giorgi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Zb9