Arrestato ai Caraibi Giulio De Angelis, l'imprenditore che violentava le dipendenti

1' di lettura 10/03/2014 - E' stato catturato nella giornata di domenica 9 marzo Giulio De Angelis, l'imprenditore latitante accusato di aver violentato tre sue dipendenti.

L'uomo era scappato ai Caraibi dopo essere stato condannato a 8 anni per il suo reato. Si trovava in Repubblica Domenicana al momento dell'arresto, avvenuto grazie al Servizio di Cooperazione Internazionale della Polizia e delle Autorità Dominicane.

De Angelis, ascolano di 54 anni, era titolare di un'azienda di Monteprandone, negli anni a cui si riferiscono i fatti.

Le dipendenti che lo accusavano di violenza sessuale dicevano che l'uomo le costringeva ad avere rapporti con lui, minacciando di licenziarle se avessero rifiutato. Le donne avevano tutte delle condizioni economiche e familiari piuttosto difficili motivo per cui, per anni, l'imprenditore è riuscito a farla franca.

L'uomo è sceso nel primo pomeriggio di lunedì 10 marzo all'aeroporto di Fiumicino, dove è stato subito tratto in arresto e trasportato nel carcere di Civitavecchia.

De Angelis è in attesa di giudizio per altri due processi, uno per un quarto caso di violenza sessuale ai danni di una dipendente, l'altro per aver ordinato il pestaggio di un testimone del processo per il quale è stato condannato.


di Gabriele Ferretti
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2014 alle 15:58 sul giornale del 11 marzo 2014 - 2781 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresto, arrestato, civitavecchia, fiumicino, gabriele ferretti, giulio de angelis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZGO