Calcio: Ascoli. Con il Pisa la vittoria di un popolo intero che non ha mai smesso di lottare

3' di lettura 10/03/2014 - Prima vittoria in bianconero per mister Destro e per il presidente Francesco Bellini. L'atmosfera nel Piceno è buona già da tempo e seppure l'Ascoli non ha nulla da chiedere a questo campionato, fare risultato di certo non guasta.

Nella stagione in corso il Picchio, pur portando a casa pochissimi punti, ha sempre combattuto contro tutte le avversarie. L'Ascoli infatti ha messo in grossa difficoltà le prime della classe Lecce, L'Aquila, Frosinone, Perugia e nella gara interna contro i toscani del Pisa ha regalato finalmente una gioia ai sostenitori bianconeri.

Questa è la vittoria di un intero popolo che non si è mai abbattuto anche nei momenti peggiori. Gli ultras hanno sempre onorato la storia cominciata nel lontano 1898, certi che prima o poi ci sarebbe stata una rinascita. Bello veder festeggiare i ragazzi di Destro sotto la curva sud a fine gara, questi calciatori meritano il massimo rispetto per l'impegno che stanno mettendo in campo ed è giusto che ogni tanto possano togliersi delle soddisfazioni.

Il Pisa di Roberto Marconcini, storica saracinesca del famoso 'Ascoli dei record' ora preparatore dei portieri rossocrociati, nulla ha potuto contro un Ascoli determinato. I padroni di casa hanno dominato il match e dopo l'ottima prestazione offerta al 'Via del Mare' si sono ripetuti anche tra le mura amiche.

Destro ha dovuto fare a meno di Gandelli e Russo e fatta eccezione per Schiavino preferito a Scognamillo, ha ripresentato gli stessi di Lecce. Dopo pochi minuti l'allenatore ha perso Colomba per infortunio, che coadiuvava le punte Tripoli e Cipriani. Il primo si è rivelato poi il mattatore della partita, l'altro dopo una gara fisica in cui ha creato molti spazi ai compagni di squadra, ha dovuto abbandonare il rettangolo di gioco per via di una doppia ammonizione. Cozza ha schierato in avanti bomber Arma assieme a Napoli, assistiti da Mannini.

Se proprio si vuole trovare qualcosa che non è andato durante i 90 minuti, forse la dormita difensiva sul gol subìto ma nel complesso la prestazione bianconera è stata decisamente positiva.

Bene Pazzagli più sicuro nell'ultimo periodo, ottimo l'intervento su Arma nella seconda frazione di gioco. In difesa spiccano Giacomini, che sulla fascia di competenza fa quello che vuole, e Magliocchetti. Sufficiente Di Gennaro, da rivedere Schiavino, poco attento in occasione del vantaggio neroazzurro. Buono il match giocato a centrocampo da Greco, Carpani e Capece, come anche l'approccio iniziale di Colomba. Tanto corsa e sacrificio per Cipriani, ingenuo in occasione del secondo giallo ma decisamente importante per la sua forza fisica, immenso Tripoli che vede premiata con una doppietta la sua permanenza nel Piceno. Senza infamia e senza lode la gara di Minnozzi.


Foto gentilmente concessa da Giulio Spinucci.


Articoli correlati:
- Calcio: l'Ascoli torna alla vittoria. Pisa battuto 2-1, doppietta di Tripoli
- Calcio: 'Ascoli dei record'. L'ex portiere Marconcini ricorda Rozzi ed onora i tifosi
- Calcio: Ascoli. Il punto sulla 27ª giornata dopo la vittoria contro il Pisa


di Rocco Bellesi
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2014 alle 13:00 sul giornale del 11 marzo 2014 - 1102 letture

In questo articolo si parla di sport, ascoli calcio, rocco bellesi, ascoli calcio 1898

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZF3





logoEV