Haemonetics, venerdì 27 giugno manifestazione dei lavoratori davanti al Tribunale

1' di lettura 25/06/2014 - Venerdì 27 giugno alle ore 10,00 manifestazione davanti al Tribunale di Ascoli Piceno; udienza sull’azzeramento della procedura di mobilità richiesta dalla UGL contro la Haemonetics per chiaro atteggiamento antisindacale; lo dimostrano non solo gli atti discriminanti compiuti dalla Haemonetics contro la UGL ma anche quelle straordinarie “registrazioni” note come inciucio 1 e inciucio 2 e che danno un quadro esplicito e plastico della volontà della Haemonetics di sbarrare la strada alla UGL, discriminandola. Su questa questione pende un esposto presentato alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno.

Ancora e sempre mobilitazioni; il prossimo 27 giugno saranno 250 i giorni che i lavoratori Haemonetics hanno piantato il presidio e giorno e notte tengono alta la bandiera di una lotta attiva ed operante per la ripresa produttiva, per lavoro ed occupazione.

Abbiamo certamente mandato qualche vaffa… a pezzi di Istituzioni e di politica locale vergognosamente assenti da una battaglia che oggi è la regina di tutte le battaglie: produzione, lavoro, occupazione. Il loro silenzio è la loro cattiva coscienza.

La UGL è sempre più convinta che i macchinari Haemonetics tenuti e manutentati come gioielli, sono destinati a continuare la loro funzione produttiva; nello stabilimento di Ascoli Piceno o in Malaysia; siamo certi che oramai il volgere delle cose è a questo snodo.

Una prima importante battaglia l’abbiamo già vinta; i lavoratori Haemonetics del presidio sono diventati territorialmente il simbolo vivente dell’altezza della sfida per voltare pagina e tornare a fare produzione ed occupazione; l’intero territorio tifa per noi per continuare a sperare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-06-2014 alle 10:18 sul giornale del 26 giugno 2014 - 1256 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ascoli piceno, ugl, haemonetics

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6me