Indesit, preoccupazione delle RSU: 'Non una parola riguardo i dipendenti'

Fiom 1' di lettura 11/07/2014 - Le RSU FIOM della Indesit di Fabriano esprimono tutta la loro preoccupazione per l’accordo sottoscritto da Whirlpool e Fineldo sull’acquisto del 66,8% delle azioni della Indesit.

Rimaniamo in attesa di ulteriori dettagli, che possano chiarire i termini di questo accordo e illustrarci il piano industriale di Whirlpool, ma nel frattempo non possiamo non notare, che non una parola riguardo i dipendenti, le produzioni, gli stabilimenti, gli uffici della Indesit sia stata spesa all’interno del comunicato. Non si fa nessun accenno tra l’altro all’accordo raggiunto al MISE a Dicembre.

Chiediamo a Gian Oddone Merli, Ad di Fineldo spa, i cui auspici di successo riguardo il futuro di questo nuova società sono chiaramente espressi nel comunicato, se almeno in fase contrattuale ha chiesto e ottenuto tutele e garanzie per noi dipendenti e per i nostri stabilimenti, visto che non ha espresso commenti in merito.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2014 alle 14:31 sul giornale del 12 luglio 2014 - 775 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, fiom, indesit

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/676


Gli unici che sembrano veramente tutelati sono i soci che riceveranno una proposta di acquisto al massimo prezzo a differenza delle altre operazioni che hanno caratterizzato il solo mercato italiano (qui c'è anche una multinazionale americana).
Per Fabriano, trascorso il prossimo periodo elettorale delle regionale 2015 ove si assisterà nonostante tutto allo SPACCA ter, sarà una tragedia. La città, per quanto ne dica la sanità pubblica che ci ha collocato la sede di un'area vasta, è posizionata in area non strategica per la logistica ed inoltre c'è una sovrapproduzione di apparecchiature bianche rispetto alle necessità reali delle famiglie e dei single e soprattutto alle economie dei potenziali clienti.