Condannata a 5 anni la nigeriana che faceva prostituire la figlia di 14 anni

Giudice, tribunale, giustizia 1' di lettura 17/07/2014 - E' arrivata la sentenza in appello per la donna di origini nigeriane che faceva prostituire la figlia 14 enne. La Corte d'Appello di Ancona ha confermato la condanna a 6 anni che il Gup aveva emesso il 7 febbraio scorso.

I fatti risalgono all'agosto scorso quando la donna era stata arrestata perchè sospettata del reato in questione. Con lei era finito in manette anche un imprenditore abruzzese di 70 anni residente ad Ascoli.

La nigeriana costringeva sua figlia ad avere rapporti sessuali con l'uomo in cambio di denaro.

Anche per l'uomo è stata confermata la condanna a 4 anni ricevuta in primo appello.


di Gabriele Ferretti
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 17-07-2014 alle 21:29 sul giornale del 18 luglio 2014 - 924 letture

In questo articolo si parla di cronaca, prostituzione, tribunale, ancona, donna, imprenditore, figlia, gabriele ferretti, nigeriana, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7nB