Lavoro e formazione al centro dell’azione della Provincia, Celani fa il punto su interventi e progetti

3' di lettura 24/07/2014 - “Un segnale di speranza e di fiducia da parte degli imprenditori del Piceno”: con queste parole il presidente della Provincia Piero Celani ha commentato il cospicuo numero di richieste da parte delle aziende locali per accedere agli incentivi erogati per la trasformazione dei contratti atipici in contratti a tempo indeterminato full o part time.

Ad oggi, sono state ben 51 le imprese che hanno presentato domanda al Servizio competente con 91 richieste di stabilizzazione. "Ciò significa che gli imprenditori del nostro territorio vogliono stabilizzare più di un lavoratore – ha evidenziato Celani - usufruendo di un contributo per ciascuno di 7 mila euro. Vorrei sottolineare come, inizialmente, la Provincia aveva stanziato per questo intervento 300 mila euro, somma poi più che raddoppiata portando l’importo a 723 mila”.

Il Presidente Celani, insieme alla Dirigente dott.ssa Matilde Menicozzi, alla funzionaria Carla Urbani e alla direttrice del Centro Locale per la Formazione di via Cagliari Fiorenza Pizi, ha fatto poi il punto sulle altre attività nel campo della formazione e delle politiche attive del lavoro.

In tale contesto, c’è un altro progetto che sta riscuotendo grande attenzione dal territorio a cura della Regione Marche in collaborazione con i CIOF provinciali ed Italia Lavoro. La misura, utilizzando una procedura a sportello, intende favorire il reinserimento di 280 soggetti disoccupati over 45 attraverso tirocini formativi della durata di sei mesi. “Su circa 244 domande finora pervenute in tutte le Marche – ha dichiarato con soddisfazione il Presidente - ben 79 equivalenti quasi ad un terzo, provengono dal Piceno: dati che indicando la bontà del metodo di lavoro della nostro Ente capace di intercettare le esigenze del territorio e costruire le relative progettualità”.

Un’altra attività importante svolta dalla Provincia a favore delle imprese è l’organizzazione di corsi di formazione che altrimenti costituirebbero un costo notevole per il sistema produttivo e che sono articolati sulle richieste del mercato del lavoro. “Si tratta di specifici percorsi che intendono preparare figure professionali individuate in seguito ad un mirato lavoro di account territoriale effettuato, nei mesi scorsi, da un’equipe del Servizio” ha dichiarato la dott.ssa Menicozzi. I corsi, in avvio in autunno, riguarderanno le seguenti aree tematiche: lingue (inglese e tedesco), informatica avanzata, tecniche di vendita, e-commerce, disegno tecnico 3D. Da evidenziare come i due CLF dell’Ente (Ascoli e San Benedetto) organizzeranno tre corsi a testa.

Sono stati anche ricordati i corsi di “Tecnico controllo e tutela ambientale” e “Addetto manutenzione spazi verdi” destinati, prioritariamente ad ex lavoratori Carbon in stato di disoccupazione. “Saranno a breve definiti gli Enti di formazione chiamati a organizzare tali attività formative in partenza entro ottobre. In tutto la Provincia ha stanziato circa 100 mila euro” ha precisato il Presidente.

Infine, la dott.ssa Menicozzi ha segnalato che sono in fase di valutazione e verifica 207 progetti formativi presentati da enti accreditati per l’anno 2014/2015 per la gestione e l’avvio di corsi (non gratuiti) che rilasciano attestati di qualifica, di specializzazione e di certificazione come disciplinato dalla legge 845/78.

Sotto, alcune immagini








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2014 alle 15:34 sul giornale del 25 luglio 2014 - 1094 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7Gh