Si suicida in carcere l'imprenditore che uccise due operai a colpi di pistola

20/10/2014 - Si è impiccato nella notte di domenica 19 ottobre, all'interno della sua cella nel carcere di Ascoli Piceno Gianluca Ciferri, l'imprenditore fermano che il 15 settembre scorso aveva ucciso a colpi di pistola due suoi operai.

L'uomo condivideva la cella con altri due detenuti che lo hanno trovato morto attorno alle 4 di notte. L'imprenditore era stato arrestato con l'accusa di omicidio ai danni di due operai kosovari che erano andati da lui a chiedere gli stipendi arretrati che non avevano percepito. La cifra si aggirava intorno ai 20000 euro.

I due dipendenti sono stati assassinati a colpi di pistola da Ciferri che, sin dal primo processo, si è sempre difeso sostenendo che aveva risposto ad un'aggressione. Negli ultimi giorni, l'uomo non aveva dato segnali che potessero far pensare ad un imminente suicidio.


di Gabriele Ferretti
redazione@vivereascoli.it
 




Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2014 alle 13:28 sul giornale del 21 ottobre 2014 - 1846 letture

In questo articolo si parla di cronaca, suicidio, ascoli piceno, operai, carcere, pistola, imprenditore, impiccagione, gabriele ferretti, articolo, gianluca ciferri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aajJ


Non riesco ad avere alcuna pietà nel caso.