Ugl, mercoledì 22 ottobre i lavoratori del presidio Haemonetics incontreranno la stampa

1' di lettura 20/10/2014 - Un anno di presidio. Una storia eroica di mamme e papà, una determinazione non eguagliabile; è questa la forza della volontà, ma non solo.

Non abbiamo mai smesso di credere, di sperare che la lotta non fosse solo testimonianza e richiesta sublimale di giustizia, ma di più, di più concreto, di più futuribile; una aggregazione di energie e di forza indomita per dare permanente centralità al tema economico e sociale, perché la società non si voltasse dall’altra parte, ma continuasse ad impegnarsi per la ripartenza produttiva della fabbrica ed il recupero occupazionale.

L’attenzione e l’impegno del Vescovo di Ascoli Piceno, Monsignor Giovanni D’Ercole e del Presidente della Camera Laura Boldrini stanno camminando in questa direzione. Ci riusciremo?! Nessuno ha la sfera di cristallo per rispondere di sì che la fabbrica certamente ripartirà. Ma dopo un anno di lotte indomite e senza mollare possiamo dire che ci sono sì, squarci di possibilità che la fabbrica possa tornare a produrre e fare occupazione. La nostra battaglia straordinaria, quella delle donne e degli uomini del presidio Haemonetics, sarà che questo squarcio di possibilità si concretizzi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2014 alle 10:24 sul giornale del 21 ottobre 2014 - 1300 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ugl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaje





logoEV