Calcio, Ascoli: Riccardo Giannini di Altarimini ci presenta il Santarcangelo

10/12/2014 - Terzultimo posto in classifica con 12 punti e 2 sole vittorie: la favola del Santarcangelo sta conoscendo il capitolo più difficile della sua storia, proprio nell'anno della storica partecipazione alla nuova Lega Pro a categoria unica.

Sono un ricordo il campionato di Serie D vinto a scapito di piazze più blasonate, come Rimini e Teramo, o le splendide salvezze conseguite in Seconda Divisione. La stagione non è partita sotto buoni auspici, con un problema di salute che ha colpito l'allenatore Fabio Fraschetti (al secondo anno sulla panchina gialloblu) e qualche difficoltà inaspettata sul mercato. La squadra ha offerto buone prestazioni, ma ha mostrato qualche difficoltà di troppo nel concretizzare le occasioni.

Le note positive non sono comunque mancate: il potente terzino destro Mohamed Traorè, il centrocampista figlio d'arte Dimitri Bisoli e il ritrovato Sorin Radoi, fantasioso attaccante mancino in passato in orbita Siena, giocatore che in carriera ha pagato dazio a innumerevoli problemi fisici. Tre reti per l'italo rumeno, uno dei pochi giocatori che riesce a dare cambio di passo e più imprevedibilità alla squadra. Nel 4-3-3 varato a inizio stagione un ruolo fondamentale spettava all'esperto Alessandro Evangelisti, ex Rimini e Forlì, chiamato a ricoprire il ruolo di regista: dopo un buon inizio di stagione, la qualità delle sue prestazioni è scesa, fino alla scelta di lasciare la maglia gialloblu per giocare in D, a Mezzolara. D'altro canto nella sua storia il Santarcangelo ha sempre ottenuto buoni risultati schierando un giocatore di rottura davanti alla difesa: lo scorso anno il difensore Cola, quest'anno è stato rispolverato con discreti risultati il ghanese Obeng, una delle bandiere della squadra assieme al capitano Michele Nardi, portiere che spesso rappresenta un'arma in più per l'attacco grazie ai suoi precisi lanci di piede. Tra i pali l'estremo difensore ha sempre alternato grandi parate a qualche errore vistoso e forse il mancato arrivo di un portiere più giovane non ha giovato agli equilibri di una squadra spesso obbligata a far ricorso al pallottoliere per rispettare il parametro dell'età media. Numerosi infatti i veterani in rosa, dal difensore Olivi all'attaccante Graziani, quest'ultimo grande protagonista gli anni passati, ma ora costretto a ritagliarsi uno spazio solo nelle mezzore finali delle gare.

Sul fronte mercato la società ha iniziato l'opera di rafforzamento, affiancando l'ex Rimini Paolo Bravo nel ruolo di consulente del valido ds Oberdan Melini, uno dei principali protagonisti dell'ascesa del Santarcangelo al professionismo. A gennaio Melini cercherà di riportare in gialloblu due giocatori chiave della passata stagione: Francesco Urso del Vicenza (classe '94), mezzala abile negli inserimenti offensivi; Riccardo Pasi del Bologna ('90), seconda punta o attaccante esterno di qualità, quella qualità che finora sta mancando pericolosamente alla compagine clementina.






Questo è un articolo pubblicato il 10-12-2014 alle 21:39 sul giornale del 12 dicembre 2014 - 1058 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, rimini, ascoli calcio, lega pro, Santarcangelo, ascoli calcio 1898, ascoli picchio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acLj





logoEV