Montemonaco: Protezione Civile e Corpo Forestale recuperano le ultime persone rimaste isolate

07/03/2015 - L'operazione di recupero delle persone rimaste isolate ieri a Foce di Montemonaco, a causa di una valanga, si è conclusa positivamente grazie alla collaborazione tra Protezione Civile Regionale e Corpo Forestale dello Stato, collaborazione attiva da anni sulla problematica delle valanghe sul comprensorio dei Sibillini e su tutto il territorio regionale.

Grazie all'intervento dell'elicottero del Corpo Forestale dello Stato, giunto da Rieti e coadiuvato nell'azione dai tecnici della Protezione Civile esperti in neve e valanghe, dopo il fallito tentativo di ieri a causa del fortissimo vento che non ha consentito l'operazione, sono state messe in atto tre azioni che hanno permesso il recupero di nove persone, attualmente alloggiate in un albergo della zona, in un' area fuori rischio; una persona ha deciso di rimanere nella propria struttura isolata.

La valanga ha dimensioni consistenti, 22 metri di altezza per un fronte lungo circa 200metri, la storicità ci parla di una situazione che non si verificava di tali proporzioni dal 1993.
La zona rimane ancora sprovvista di energia elettrica e appena le condizioni lo permetteranno, l'ENEL, con cui siamo costantemente in contatto per monitorare la situazione di tutta la Regione, interverrà per ripristinare il servizio.

Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito al buon esito dell' operazione.

Foto di Donatella Bellesi


da Paola Giorgi
Assessore Regionale alla Protezione Civile







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2015 alle 18:48 sul giornale del 09 marzo 2015 - 5400 letture

In questo articolo si parla di cronaca, regione marche, Paola Giorgi, assessore regionale alla protezione civile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agpk