Vivere a 4 Zampe: bocconi avvelenati. Ecco cosa fare quando se ne trova uno

Vivere a 4 Zampe 15/03/2015 - Sia in città che nelle strade di campagna può capitare di imbattersi in un boccone avvelenato. Claudia Taccani, Responsabile sportello legale Oipa Italia, ci spiega cosa fare e come comportarsi con queste esche, pericolose sia per gli animali, che per le persone.

- Avvertire la Polizia provinciale o il Corpo Forestale dello Stato, oppure le altre Forze dell’ordine e nel frattempo delimitare l’area in maniera da non far accedere nessuno;
- Prelevare con cautela l’esca facendo attenzione a non toccarla senza protezione (usare guanti in lattice o sacchetti in plastica) e chiuderla in un contenitore a tenuta stagna, per consegnarla poi al Servizio veterinario del Comune o alla Polizia provinciale;
- Non annusare mai l’esca, potrebbe contenere prodotti volatili (ad es. cianuri) altamente tossici.

I doveri del sindaco
In caso di accertata presenza di sostanze velenose o comunque pericolose per gli animali in un determinato sito, il sindaco, entro 48 ore, provvede a individuare le modalità di bonifica del luogo interessato dall’avvelenamento, nonché a segnalare con apposita cartellonistica e a intensificare i controlli da parte delle autorità preposte.

Segnalazione alla Polizia Locale
Segnalare alla Polizia locale (se ci troviamo in un centro abitato), pretendere un sopralluogo in breve termine affinché siano raccolti campioni della sostanza presente e sottoposti a controllo. Contattare comunque l’autorità pubblica per gli adempimenti necessari, affinché altri utenti siano informati e non frequentino l’area pericolosa fino a bonifica.

Violazione penale
L’utilizzo di bocconi, esche avvelenate o comunque sostanze nocive per gli animali, comporta anche la violazione penale: la lesione eo uccisione di un animale, qualora avvenga per crudeltà o senza la necessità, comporta l’integrazione di delitti puniti dal nostro codice penale con multe salate e carcere. L’apposizione di bocconi o esche velenose in un’area cani è un atto penalmente rilevante, punibile anche solo a titolo di tentativo, quindi, anche se di fatto non si verifica alcun danno a carico dell’animale.

Denuncia contro ignoti
Presentare denuncia nei confronti di ignoti affinché l’autorità di pubblica sicurezza proceda con opportune indagini; informare, attraverso passa parola o social network, i frequentatori dell’area.


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it







Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2015 alle 14:10 sul giornale del 16 marzo 2015 - 1204 letture

In questo articolo si parla di attualità, cani, gatti, bocconi avvelenati, articolo

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere a 4 zampe


Penso che ciò sia dovuto anche al fatto della maleducazione della gente che lorda le vie con le feci dei loro gentili animali e non provvedono alla pulizia.
Quindi bisogna comportasi bene e rispettare gli altri cittadini perchè a memoria non ricordo che prima di questo schifo ci siano state queste manifestazioni, censurabili, ma questa ipotesi di essere corretti e rispettosi del prossimo non vi sfiora neppure.
Ritengo che dovreste rivolgere l'appello ai possessori di animali che procurano queste schifezze piuttosto che ricordare al sindaco di " intensificare i controlli da parte delle autorità preposte" o no?