Continuano senza sosta le iniziative del Festival dell'Appennino

3' di lettura 07/07/2015 - Lo scorso fine settimana il Festival dell'Appennino ha vissuto uno degli appuntamenti più coinvolgenti dell'attuale edizione.

La due giorni tra Forcella, Sala e San Vito ha visto più di 250 persone partecipare alle escursioni, divertirsi con i balli ed i canti del Forcella Folk Festival e ad assistere al concerto del famoso trombettista Luca Aquino.

Durante la giornata di sabato si è svolta anche l'estemporanea d'arte “Suggestioni Sibilline” a cura di Barbara Tomassini e della Camera di Commercio di Ascoli Piceno e lo spettacolo “Un giorno capirai” di e con Luca Capponi, Tuco Ramirez ed Elisa Maestri.

Domenica invece la giornata è stata allietata anche dalla presentazione del libro “Graphia” di Giancarlo Mei e dalle letture da “Zè il tartufaio” tratte da Angela Latini ed interpretate da Chiara Lanciotti.

Il Festival continua senza sosta venerdì 10 luglio con un nuovo appuntamento tra Venarotta e Palmiano: “Per Sora Nostra Madre Terra”, un vero e proprio omaggio al Cammino Francescano della Marca che attraversa i due paesi del nostro appennino.

Il ritrovo è alle ore 19,00 presso il Gazebo Comunale “V.Orsini” di Venarotta da cui si partirà per l'escursione in direzione Palmiano. La distanza di circa 6,29 Km sarà percorsa in circa 3 ore ed è adatta anche a persone poco allenate. E' indispensabile avere scarponi da trekking e munirsi di torcia elettrica.

Durante il percorso, presso Costa Amatocci, si potrà assistere al concerto “Parole e Musiche dell'anima” con il violoncello di Federico Bracalente e la voce recitante di Andrea De Santis.

All'arrivo a Palmiano gli escursionisti saranno accolti al Punto Ristoro curato della Pro Loco. Durante il pomeriggio a Palmiano saranno attivi i laboratori gratuiti per giovani under 24 che rientrano in determinati parametri Isee. Queste attività sono realizzate grazie alla collaborazione e al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che con il Consorzio Il Picchio e l'Associazione Appennino Up hanno previsto anche un aspetto “social” del Festival.

Dalle 22:30 si ballerà con il concerto conclusivo della giornata e il “Riciclato Circo Musicale”, band italiana formatasi nel 2006 e composta da quattro musicisti provenienti da generi ed esperienze artistiche completamente differenti, ma con una caratteristica in comune: la passione per la ricerca e la continua sperimentazione sonora.

Il Riciclato Circo Musicale utilizza materiali di recupero ed oggetti di uso comune per costruire strumenti di ogni tipo, dai più classici e contemporanei, come la Chiteja, il Bassolardo, la Buzzeria, ai più tradizionali-etnici, come il Battifon o il Barattolao, fino ad arrivare alla creazione e invenzione di nuovi strumenti come la Medusa e il Casalingatore.

Prossimo appuntamento del Festival dell'Appennino domenica 12 luglio con escursione da Rigo a Pretare con “Le fate ignoranti”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-07-2015 alle 13:12 sul giornale del 08 luglio 2015 - 1629 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alB6





logoEV