Italia Nostra: "Pietà per i morti"

1' di lettura 22/12/2016 - Sembra che nelle zone interne della nostra provincia ed in particolare ad Arquata del Tronto e nelle sue frazioni, dove con maggiore violenza si è abbattuta la furia degli eventi sismici, poco o niente si sia fatto per ricomporre o mettere in salvo quello che resta dei cimiteri locali.

osì pare che le lapidi giacciano spezzate per terra e che le bare si mostrino , nude e incustodite, nei loculi, ormai non più attenti custodi dei resti dei defunti del luogo , abbandonati, per questo, alla totale mercé degli elementi naturali, della pioggia , della neve , del vento e probabilmente degli animali randagi.

Mentre è doveroso riconoscere l’opportunità che si faccia tutto quanto possibile per alleviare le sofferenze di chi ha perso tutto in questi mesi di tragici eventi, pur prendendo atto delle estreme difficoltà che bisogna affrontare per operare nei luoghi del sisma, riteniamo che analogo impegno debba essere posto nella ricomposizione di ciò che conserva la memoria di chi ha vissuto nei luoghi devastati dal terremoto, per evitare che tutto scompaia nel definitivo oblio dei segni indelebili degli antichi affetti.

Contribuendo , con questa opera meritoria, ad evitare che l’opera di ricostruzione non si limiti alla sterile realizzazione di nuove costruzioni senza alcun ancora o legame con l’antica memoria dei luoghi. E’ sperabile che , passati i momenti di più tragica urgenza, si trovi la forza e il tempo per dedicare la propria attenzione a questa azione meritoria , mostrando, così, una doverosa “Pietà per i Morti”.


da Italia Nostra sez. di Ascoli Piceno







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2016 alle 12:08 sul giornale del 23 dicembre 2016 - 1817 letture

In questo articolo si parla di cronaca, italia nostra, ascoli piceno, Arquata del Tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aEUI





logoEV