Post terremoto, continua la rimozione delle macerie nel Comune di Arquata

terremoto generico 14/01/2017 - La ditta HTR Bonifiche, aggiudicataria dell’appalto, completerà il Deposito Temporaneo entro il 15 febbraio prossimo. La raccolta e trasporto delle macerie è già iniziato e continua comunque. I quantitativi attualmente allontanati sono pari a 2.736 tonnellate, per una media giornaliera di 212 tonnellate.

In questo modo si cerca di rimuovere le macerie dai siti prioritari individuati dal comune e non dare nessun impedimento alle opere di urbanizzazione finalizzate all’insediamento delle casette. Lo rendono noto la Regione Marche ed il Comune di Arquata del Tronto, in relazione alla situazione della rimozione macerie nel Comune di Arquata.

Inoltre, aggiunge la nota, sulla base delle ordinanze di protezione civile fin qui emesse, mentre si stanno realizzando i lavori del piazzale definitivo di collocazione delle macerie, in una piccola area interna all’area di progetto già pavimentata, si possono comunque portare piccoli quantitativi di macerie adottando accorgimenti per la tutela ambientale. Nessuno stop quindi alla raccolta delle macerie e previsione di superare in breve tempo alcuni problemi legati alla realizzazione dell’area di deposito.

La Regione precisa poi che, più in generale per la gestione delle macerie esiste in Provincia di Macerata un sito all’interno dell’impianto COSMARI di Tolentino, mentre per la Provincia di Ascoli Piceno e Fermo, in base alla Conferenza di Servizi che si è tenuta il 10/01/2017 si stanno valutando, dal punto di vista tecnico, altri siti da allestire. In particolare i gestori del servizio di raccolta e gestione rifiuti nonché il Comune di Amandola, stanno mostrando una positiva collaborazione.

Entro il mese di gennaio sono previste le conferenze conclusive per l'approvazione dei progetti.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2017 alle 19:36 sul giornale del 16 gennaio 2017 - 6162 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aFrJ