Arquata del Tronto: sfollato non vuole lasciare il paese, arrestato

01/02/2017 - È stato convalidato l’arresto per Enzo Rendina, il 58enne sfollato di Pescara del Tronto, frazione di Arquata, che non vuole lasciare il suo paese.

L’accusa per l’uomo è quella di interruzione di pubblico servizio per non aver ottemperato all’ordine dei sindaco di Arquata del Tronto di evacuare il territorio comunale a seguito del terremoto del 30 ottobre scorso.

Il 28 dicembre il sindaco Aleandro Petrucci gli aveva fatto notificare una diffida ad andarsene, ma Rendina era rimasto lì, prima sotto una tenda della protezione civile e poi in una dei vigili del fuoco. Dopo l’arresto è stato rimesso in libertà con l’assoluto divieto di avvicinarsi ad Arquata del Tronto. Il processo è rinviato al prossimo 20 marzo.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 01-02-2017 alle 14:57 sul giornale del 02 febbraio 2017 - 5913 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Arquata del Tronto, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aF1K