Klang Festival: Andrea Chimenti in David Bowie

13/03/2017 - Fa tappa ad Ascoli Piceno KLANG altri suoni, altri spazi, rassegna musicale regionale promossa da AMAT in collaborazione con Loop Live Club e dodici Comuni regionali tra i quali quello di Ascoli Piceno, nata con lo scopo di valorizzare esperienze musicali di qualità nazionali ed internazionali che si contraddistinguono per un significativo tasso di sperimentazione e una forte autorialità.

Giovedì 16 marzo il Teatro Ventidio Basso ospita – nel cartellone anche di Ascoli Musiche - Andrea Chimenti, scrittore e poeta, già noto al grande pubblico per essere stato il frontman del gruppo italiano dei Moda in un omaggio al grande David Bowie, più volte incontrato artisticamente da Chimenti nella sua carriera fino alla collaborazione con Mick Ronson, chitarrista e produttore proprio del Duca Bianco. Tra i capolavori di Bowie Andrea Chimenti (voce e chitarra acustica) eseguirà, tra gli altri, Life on Mars, Space Oddity, Rock’n Roll Suicide, Where are we now?.

Insieme a lui sul palco il figlio, Francesco Chimenti (pianoforte, violoncello elettrico e cori), Davide Andreoni (alle chitarre), entrambi membri della band Sycamore Age, con Marco Fanciullini (batteria, percussioni, cori, samples) e Mauro Maurizi (contrabbasso, basso elettrico) accompagnati dal Quartetto i Nostri Tempi, Clarice Binet (violino), Irene Santo (violino), Edoardo Rosadini (viola) e Pietro Horvath (violoncello). Reggiano di nascita ma toscano d’adozione, la carriera di Andrea Chimenti inizia nei primi anni 80, come cantante dei Moda, con i quali ha realizzato i tre album Bandiera, Canto Pagano e Senza Rumore per l’etichetta Ira.

Dal 1990 comincia invece la sua carriera solista, a partire dal debutto La Maschera del Corvo Nero ed Altre Storie (1992, CGD, con Gianni Maroccolo e Francesco Magnelli) passando per un numero consistente di lavori articolati tra album compilation e collaborazioni con artisti del calibro di Mick Ronson (chitarrista e produttore di David Bowie, Lou Reed, Bob Dylan), David Sylvian, Steve Jansen, Mick Karn, Piero Pelù, Federico Fiumani, Giancarlo Onorato, Patrizia Laquidara, Rita Marcotulli, Yo Yo Mundi, Stefano Panunzi, Nicola Alesini, Kiddycar. Numerose inoltre le sue collaborazioni nel teatro (compagnia di danza Silenda – Ministero della Cultura Francese), nel cinema in veste di attore (Sono Pazzo di Iris Blonde di Carlo Verdone, Sexy Shop di Fernando Maraghini e Maria Erica Pacileo) e come scrittore di colonne sonore (documentario Ungaretti sul Carso per Rai3).

Il suo ultimo album, Yuri, ispirato al suo romanzo omonimo (2014, Ed. Zona), tratta di un giovane adolescente che viene depredato del suo passato e del suo futuro (Soffici Dischi/Santeria/Audioglobe). L’Orchestra da camera I Nostri Tempi è una giovane formazione musicale sostenuta dalla Regione Toscana. Inaugurata nel 2007 da Piero Bellugi è diretta e concertata da Edoardo Rosadini. L’idea che muove la sua attività è quella di fare musica da camera “allargata”, intendere quindi la scrittura sinfonica come l’insieme di più identità.

Biglietti 10 euro. Informazioni presso biglietteria del Teatro 0736 298770. Inizio concerto ore 21.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2017 alle 12:52 sul giornale del 14 marzo 2017 - 241 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, amat marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aHmd