Qualità Ospitalità Italiana: attestati alle strutture picene

21/04/2017 - Giovedì 20 aprile, alle ore 15.00, presso la Sala Smeraldo dell’Hotel Calabresi di San Benedetto del Tronto, si è tenuta la cerimonia di consegna degli attestati dell’edizione 2017 del Marchio di Qualità Ospitalità Italiana.

Il marchio Ospitalità Italiana è una certificazione promossa dalla Regione Marche e dall’Unione delle Camere di Commercio (UNIONCAMERE), che si avvalgono della competenza e della professionalità dell’IS.NA.R.T., Società del Sistema camerale specializzata in ricerche turistiche, per stimolare l’offerta di qualità in Italia.

Le imprese che conseguono questo riconoscimento hanno scelto la qualità come obiettivo da perseguire ed ogni anno si sottopongono a delle valutazioni condotte dal personale dell’IS.N.A.R.T. Le valutazioni vengono poi sottoposte alle Commissioni Provinciali, composte al minimo da rappresentati della Camera di Commercio, delle associazioni di categoria, dei consumatori e dagli stessi esperti Isnart che deliberano il rilascio della certificazione Ospitalità Italiana.

La Commissione Marchio di Qualità provinciale, composta da Alberto Antognozzi, Simona Barbizzi, Irene Cicchiello, Daniele Citeroni Maurizi, Giuseppe Feriozzi, Ugo Grossetti, Luciano Pompili e Maria Enrica Tassi, ha deciso di premiare 23 hotel, 1 campeggio e 14 ristoranti piceni, per un totale 38 strutture.

Alberghi:
Hotel Residenza 100 Torri, Palazzo Guiderocchi, Hotel Villa Sgariglia Resort di Ascoli Piceno, Casale Hotel Centro Congressi e Hotel Villa Picena di Colli del Tronto, Hotel Parco dei Principi, Hotel La Maestra e Hotel Roma di Grottammare, I Calanchi Country Hotel e Resort di Ripatransone, Hotel Imperial, Hotel Progresso, Smeraldo Suites & SpA, Hotel Bahia, Hotel International, Hotel Relax, Hotel Cristall, Hotel La Palazzina, Hotel Marconi, Hotel Sayonara, Hotel Sydney, Hotel Taormina e Hotel Welcome di San Benedetto del Tronto;
Camping:
Calypso di Cupra Marittima;
Ristoranti:
Osteria Nonna Nina, Piccolo Teatro, Ristorante Vittoria, Tre Notari, Villa Sgariglia e Pizzeria Da Bruno di Ascoli Piceno, Ristorante Del Borgo di Castel di Lama, La Cantina di Villa Picena di Colli del Tronto, Ristorante Tropical di Grottammare, Ristorante San Giacomo di Monteprandone, Osteria Ophys di Offida, Ristorante La Piazzetta dei Calanchi di Ripatransone, Osteria Caserma Guelfa e Bagni Andrea di San Benedetto del Tronto.

“In questo particolare momento di grande sofferenza per le nostre aziende, occorre trasformare il disastro del terremoto in una opportunità di rinascita e sviluppo. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana – ha dichiarato Gino Sabatini, Presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno – è uno strumento importante  per presentare ai clienti il servizio “certificato”  delle nostre strutture ricettive e ristorative, una garanzia di qualità e di standard elevati che ritengo sia importante per stimolare la ripresa turistica nella nostra provincia”.
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-04-2017 alle 11:55 sul giornale del 22 aprile 2017 - 236 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ascoli piceno, Camera di Commercio, camera di commercio di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIE5