Gli incontri di Italia Nostra: L'angelo di Vitavello, un monumento da salvare

01/02/2018 - I drammatici eventi sismici non hanno interrotto l’impegno di Italia Nostra per la salvaguardia e recupero della Chiesa di Vitavello e dei preziosi affreschi che la nobilitano.

Certo non è stato possibile continuare la raccolta fondi , che pure era stata avviata con un discreto successo iniziale. Ben altre, infatti, erano le condizioni drammatiche di altri siti dove con più violenza si era accanita la forza distruttiva dei terremoti.

Pure con il poco denaro raccolto è stato possibile evitare il distacco degli affreschi dalle pareti della chiesa, incominciare a scoprire l’esistenza di altri affreschi oltre quelli preesistenti, restaurare il prezioso paliotto che appariva praticamente illeggibile per la condizione di degrado in cui versava.

Ma il successo maggiore del nostro impegno è l’aver ottenuto la messa in sicurezza della chiesa, a partire dalla riparazione delle tegole del tetto, effettuata , con generosità disinteressata, dai vigili del fuoco.

Certo molto rimane da fare.

L’incontro del 2 febbraio vuole fare il punto della situazione e inserire il problema del recupero della Chiesa di Vitavello in quello ben più vasto e complesso della tutela e recupero delle tante altre chiese e pievi delle “ Terre del Terremoto”, che come quella che ha visto da tempo l’impegno della Sezione, sono o meglio erano nobilitate dalla presenza di un numero veramente eccezionale di affreschi, espressione di una profonda devozione delle comunità, di una pietà popolare commovente, di una cultura diffusa che univa il sentire degli abitanti di tutti i borghi, le frazioni, le città delle terre colpite dalla violenza degli eventi sismici.

L’incontro , oltre a presentare la condizione attuale della Chiesa di Vitavello, vuole aprire una finestra su quella ben più ampia di un territorio ferito, su quello che è stato fatto, su quello che si poteva fare, su quello che si potrebbe o si dovrebbe fare.

Magari incominciando a studiare la possibilità che si possa aspirare a fa inserire l’universo, unico e irripetibile, delle chiese affrescate dell’esteso territorio del centro Italia, colpito dalla violenza del terremoto, nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, anche al fine di creare finalmente le condizioni per una tutela e valorizzazione efficace e sistemica di tanta straordinaria ricchezza.

Al termine dell ‘Incontro verranno mostrate le immagini del Paliotto Restaurato.

Gli incontri di Italia Nostra Venerdì 2 febbraio –Libreria Rinascita- Ore 17,30.


da Italia Nostra sez. di Ascoli Piceno






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2018 alle 11:56 sul giornale del 02 febbraio 2018 - 206 letture

In questo articolo si parla di attualità, italia nostra, ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRf3