Porto Recanati: eroina nascosta nel casolare in campagna, arrestato un pakistano

guardia di finanza 24/05/2018 - L’intensificazione del controllo del territorio e lo sviluppo di indagini volte alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha consentito ai finanzieri della Tenenza di Porto Recanati di trarre in arresto un pakistano, munito di permesso di soggiorno in corso di rinnovo

I finanzieri, che tenevano sotto osservazione l’uomo già da qualche settimana, lo hanno pedinato fin nei pressi di un caseggiato nelle campagne di Morrovalle, luogo in cui l’immigrato aveva nascosto parte dell’eroina. Quando i finanzieri gli hanno intimato di fermarsi, il pakistano ha cercato di disfarsi di un barattolo di vetro, risultato contenere eroina. Perquisito, è stato trovato con addosso altro stupefacente dello stesso tipo, in dosi già imbustate e pronte per lo spaccio.

Le ulteriori ricerche, hanno consentito il rinvenimento di un altro vasetto di vetro, ermeticamente chiuso, ben occultato sotto un cumolo di laterizi ed attrezzi da lavoro, anch’esso contenente eroina. Complessivamente, sono stati sequestrati circa 115 grammi di eroina, unitamente a denaro contante, presunto frutto dello spaccio, un bilancino di precisione, sostanze da taglio e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Il pakistano, trentaduenne, già noto alle forze di polizia per precedenti di varia natura e per spaccio, è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Montacuto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2018 alle 11:49 sul giornale del 25 maggio 2018 - 368 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, porto recanati, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aUTb