Aree interne: via libera alla strategia "Piceno"

30/07/2018 - Via libera della giunta alla strategia presentata dall’area interna denominata “Piceno” Il documento di strategia e le schede di intervento pari a 8,581 milioni di euro puntano al miglioramento dei servizi principali per la cittadinanza e all’ incremento dello sviluppo locale per l’innalzamento della qualità della vita degli abitanti dei 17 comuni coinvolti (Acquasanta Terme, Appignano del Tronto, Arquata del Tronto, Carassai, Castignano, Comunanza, Cossignano, Force, Montalto delle Marche, Montedinove, Montegallo, Montemonaco, Offida, Palmiano, Roccafluvione, Rotella, Venarotta).

“Dopo anni di lavoro e nonostante il sisma – ha sottolineato la vice presidente della giunta regionale Anna Casini - oggi giungiamo ad un traguardo importante per la strategia area interna “Piceno”. Mi preme innanzitutto ricordare come nel processo di elaborazione della Strategia, rispetto agli iniziali 15 sia stata riconosciuta l’opportunità di aggiungere i Comuni di Appignano del Tronto e Venarotta. Obiettivo raggiunto grazie ad un lavoro sinergico tra tutti gli attori del processo decisionale ed un ringraziamento va al presidente Giuseppe Amici nonché a tutti i sindaci del territorio coinvolto. Quanto approvato oggi vuole implementare i servizi socio-sanitari e i trasporti per aiutare le nostre aree interne anche ferite dal sisma ad invertire la tendenza allo spopolamento. Abbiamo un territorio che può essere ritrovato e rinnovato per innescare nuove visioni per il futuro”.

“È il risultato – ha evidenziato l’assessore regionale alle Aree interne Angelo Sciapichetti – di un intenso percorso di costruzione della strategia di area e sono soddisfatto per il lavoro svolto in maniera approfondita e rapida dai Sindaci di un territorio già fortemente provato dai recenti eventi sismici. Lavorare insieme per sostenere i bisogni delle aree interne è il miglior metodo per dare un futuro a questi paesi. Un impegno preso col territorio, una promessa mantenuta”. La delibera approvata rientra nell’ambito della Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne (SNAI) che punta a migliorare l’accessibilità ai servizi essenziali nei territori rurali con l’obiettivo di finanziare progetti utilizzando fondi europei e interventi nei settori dello sviluppo, salute, istruzione e mobilità, utilizzando le risorse nazionali. Tra le scelte effettuate vi sono quelle che migliorano l’ambiente, rafforzano l’istruzione e le competenze; sostengono le famiglie, la residenzialità e la qualità della vita con adeguati servizi di base; sviluppano le funzioni associate tra i Comuni; agiscono sul digital divide; migliorano la mobilità interna d’area di massima importanza.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2018 alle 21:25 sul giornale del 31 luglio 2018 - 292 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aW8j