Arquata: il commissario Farabollini risponde al sindaco, "Lasciateci lavorare per il bene di tutti"

17/02/2019 - Piero Farabollini, commissario per il sisma 2016, ha fatto il callo alle accuse di latitanza che ciclicamente il sindaco di Acquasanta ed altri gli rivolgono.

“Sono stato il primo commissario ad incontrare anche tutti i comitati dei cittadini e mi si accusa di latitanza – continua Farabollini, per carattere e modus operandi restio alle polemiche sterili – Sono arrivato quattro mesi fa ed ho trovato macerie ancora da smaltire, pratiche indietro di quasi un anno a fronte di oltre mille persone al lavoro tra USR e Comuni, casette marcite in pochi mesi e l’abitudine a fare mercato degli interventi in barba alla ricostruzione vera e, soprattutto, fatta in sicurezza. Commissario e governo si sono messi al lavoro a testa bassa, ma è scorretto chiedere a noi la bacchetta magica mentre si rimpiange chi ci ha lasciato in questo stato”.

Si scrive bacchetta magica, si legge ordinanze commissariali, invocate troppe volte come panacea di ogni criticità. “Prima del mio arrivo ne erano state emanate 68 e sfido chiunque ad orientarsi tra le loro contraddizioni – puntualizza Farabollini – Semplificare comporta una ristrutturazione dell’impianto normativo che non spetta solo al commissario tanto che, con il Governo, stiamo lavorando alle modifiche al DL 189, nato per un cratere fatto di quattro comuni e diventato il manuale operativo per uno di 138”. Farabollini respinge dunque al mittente ogni accusa, approfittandone per togliersi dagli scarponi il classico sassolino.

“Certi sindaci sono affezionati ad una gestione del post sisma fatta di progetti ad hoc, visite e plurime pose della prima pietra sotto i flash dei media. Dove questa ci abbia portato però è sotto gli occhi di tutti – conclude il Commissario – È ormai evidente che continuare a correre dietro a desiderata ed opportunità per alcuni anziché ai programmi strutturati e per tutti non è solo impossibile, ma improduttivo. Ad oltre due anni dal sisma abbiamo detto doverosamente basta”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2019 alle 15:47 sul giornale del 18 febbraio 2019 - 920 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, sisma