Sisma, Morgoni: "Polemiche sterili e strumentali di cui non si sente bisogno"

2' di lettura 15/01/2020 - Sul tema della ricostruzione arrivano con puntualità sistematica polemiche sterili e strumentali di cui non si sente alcun bisogno in una situazione come quella dei territori che hanno subito il terremoto dove c’è estremo bisogno di impegnarsi ad affrontare i tanti e complessi problemi piuttosto che di alimentarne di inesistenti.

E’ il caso della proroga del rinnovo delle concessioni per la gestione dei siti di lavorazione delle macerie, non esplicitamente prevista nel decreto sisma.

Premesso che gli esponenti dell’opposizione che oggi agitano questo tema dovrebbero valutare, oltre che l’errore del Governo, anche la loro capacità di svolgere la funzione di opposizione che comporta un’attività di controllo e di verifica che evidentemente non sono stati in grado di esercitare se non si sono resi conto di questa lacuna, vorrei andare alla sostanza della questione. Con il decreto sisma è stata prevista la proroga dello stato di emergenza al 2021 con contestuale proroga del termine per la raccolta e lo smaltimento delle macerie. Se è vero che doveva essere esplicitamente prevista anche la proroga per la gestione dei siti di smistamento e recupero delle macerie, mi pare però del tutto evidente che se si prevede la prosecuzione della raccolta delle macerie ne consegue che deve necessariamente proseguire anche l’attività di gestione di quei materiali.

Però anche questo caso conferma che uno dei grandi problemi della ricostruzione è quello di un avvitamento progressivo attorno a problemi di carattere formale alimentato da una irriducibile resistenza all’ assunzione delle responsabilità. Mi viene da dire che molti, specie tra i politici d’ assalto, che imprecano ogni giorno contro i meccanismi farraginosi e contorti della burocrazia, alla prima occasione non resistono alla tentazione di comportarsi da impeccabili burocrati. In ogni caso il Governo ha assunto un preciso impegno ad inserire nel testo del milleproroghe attualmente in fase di conversione una misura risolutiva che garantisca continuità all’attività dei centri di smistamento e recupero e così, nel giro di pochi giorni, sgonfiata questa ennesima bolla propagandistica, potremo riprendere ad occuparci di problemi seri piuttosto che dedicarci a fronteggiare le schiere folte e agguerrite dei disfattisti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2020 alle 14:01 sul giornale del 16 gennaio 2020 - 196 letture

In questo articolo si parla di politica, senatore, mario morgoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/be4v





logoEV