A14, Verducci e D'Alfonso (PD): "Ripristinare la normale viabilità"

1' di lettura 21/01/2020 - "La situazione in A14 non è più sostenibile. La società concessionaria Autostrade per l'Italia deve risolverla quanto prima. Non sono accettabili, come è stato paventato, ancora sei mesi per ripristinare la normale viabilità del tratto tra Porto Sant'Elpidio e Pescara.

Per questo abbiamo depositato una nuova interrogazione urgente alla Ministra De Micheli per chiedere di ripristinare la regolare funzionalità dell'arteria e per accelerare i tempi di adeguamento concordati con Autostrade. Non è in corso soltanto la paralisi dell'A14, la seconda dorsale nord-sud più importante del Paese, ma le ricadute sul traffico locale, dalla statale adriatica alle strade provinciali, sono insostenibili, sia per i comuni interessati sia per le attività economiche e commerciali, per le imprese, per le condizioni ambientali e di inquinamento.

Marche e Abruzzo, mentre fronteggiano le enormi difficoltà legate al sisma, rischiano un colpo durissimo al turismo, uno dei principali asset delle due Regioni, con un danno incalcolabile a poche settimane dall'avvio delle stagioni primaverile ed estiva e la principale arteria che attraversa questi territori di fatto impraticabile", dichiarano i senatori Francesco Verducci e Luciano D'Alfonso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2020 alle 17:42 sul giornale del 22 gennaio 2020 - 210 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, marche, san benedetto, ascoli, Dal Sen. Francesco Verducci - PD, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfjU