Libera circolazione tra regioni, ecco cosa si può fare e come, addio autocertificazione

umbria marche bocca trabaria 2' di lettura 03/06/2020 - Dalla mezzanotte di oggi 3 giugno, a quasi tre mesi dall'entrata in vigore delle prime limitazioni, è caduto, senza bisogno di ulteriori DPCM, il divieto di spostamento fra regioni diverse. Scompare l'obbligo dell'autocertificazione, ma restano ancora in vigore alcune prescrizioni, ecco in dettaglio quali:

Circolazione sul territorio nazionale
Si può circolare liberamente su tutto il territorio nazionale senza condizioni, non è più necessaria l'autocertificazione. Libera circolazione consentita anche per i cittadini provenienti dall'Area Schengen e dalla Gran Bretagna, è decaduto l'obbligo di quarantena di 14 giorni per chi entrava in Italia. Leggermente diversa la situazione per chi dall'Italia vuole andare in un paese estero, in alcuni Stati, tipo la Grecia, sono ancora espressamente in vigore restrizioni per chi proviene dal nostro Paese.

Divieto di assembramenti
Permane il divieto di creare assembramenti e l'obbligo di seguire le disposizioni in materia di distanziamento sociale. È obbligatorio mantenere, anche all'aperto, la distanza interpersonale di almeno un metro, elevata a 2 metri in caso di attività fisica. Permane anche l'obbligo di isolamento presso il proprio domicilio per chi è in quarantena e per chi ha una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi. Nel rispetto del distanziamento sociale è possibile partecipare a messe e funerali, visitare musei e luoghi di cultura, accedere a stabilimenti balneari, strutture ricettive, bar e ristoranti.

Mascherina obbligatoria
Rimane obbligatorio l'uso di dispositivi di protezione individuale in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico, o anche all'aperto quando non è possibile mantenere il distanziamento. In alcune regioni, come la Lombardia e la Campania, permane l'obbligo anche all'aperto a prescindere dalla presenza o meno di assembramenti.

Spostamenti in auto e moto
In auto possono viaggiare tranquillamente insieme gli appartenenti ad uno stesso nucleo familiare. In tutti gli altri casi permangono delle limitazioni. In un auto possono viaggiare al massimo due persone (3 per le automobili dotate di tre file di sedili), con l'obbligo per il passeggero di sedere sui sedili posteriori, tutti gli occupanti del mezzo dovranno indossare la mascherina. Gli spostamenti in moto, per l'ovvia impossibilità di mantenere il distanziamento, sono consentiti in due persone solo se il passeggero è un convivente.

Spostamenti in treno
Con decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è stata resa obbligatoria la misurazione della temperatura corporea per chi utilizza i treni ad Alta Velocità e Intercity, a chi avrà più di 37,5 gradi non sarà consentito l'accesso a bordo.






Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2020 alle 08:27 sul giornale del 03 giugno 2020 - 396 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, autocertificazione, libera circolazione, articolo, antonio mancino, coronavirus, covid 19, mascherina obbligatoria, fase 2, spostamenti fra regioni, 3 giugno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm18





logoEV