Rientro a settembre, il comitato 'Priorità alla scuola' incontra Comune e Regione

9' di lettura 04/08/2020 - Genitori e docenti preoccupati per il rientro a settembre, Priorità alla Scuola a confronto con gli enti locali: riunioni con il Comune di Ancona e la Regione Marche

Il 23 Luglio scorso, le volontarie del Comitato Priorità alla Scuola (PaS) di Ancona e Civitanova Marche Silvia Mariotti, Claudia Croci, Arianna Buda e Maila Rossi con Alessandra Giacomini del Movimento di Cooperazione Educativa (MCE), Luciano Marasca del Centro provinciale per l'istruzione degli adulti (CPIA), Lidia Mangani per Proteo Marche hanno incontrato per il Comune di Ancona la Sindaca Valeria Mancinelli, gli Assessori Tiziana Borini, Stefano Foresi e la Presidente del Consiglio Comunale Susanna Dini. Ha introdotto la riunione la Sindaca, Valeria Mancinelli, facendo un riepilogo di quanto svolto fino ad ora, poi, nei giorni seguenti, annunciato a tutta la cittadinanza via Facebook. Per i trasporti è stato proposto da MCE di incrementare il Piedibus.

Il Comitato di Ancona ha chiesto di tenere presente il tema della composizione delle classi (riferito ai fratelli in classi diverse) ed ha chiesto se sia stato discusso con i Dirigenti Scolastici (DS) quali siano le misure di prevenzione che prevedono di adottare per contenere eventuali focolai. Purtroppo, ancora non ci sono indicazioni precise e la questione non è stata affrontata. Il Comitato ha rimarcato che sarebbe opportuno un confronto anche su questo argomento, sebbene sia di competenza dei DS, e un indirizzo da parte dell’Amministrazione. È stato fatto notare che è inutile ragionare sugli spazi, se poi non si adottano misure e strategie di prevenzione di eventuali focolai. Cosa succede al primo caso di Covid-19? Qualche Dirigente Scolastico già paventa la chiusura dell’intera Scuola.

L’ Assessore Borini ha dichiarato che comunque la chiusura di una Scuola non si può fare a cuor leggero, ma che va concordata con il Sindaco in quanto si tratta di una interruzione di pubblico servizio. Questo è un punto importante da tenere ben presente. L’Assessore Borini ha poi aggiunto che il Sindaco farà una richiesta in Regione per derogare - almeno per quest’anno la legge che prevede l’autocertificazione per il rientro a scuola in caso di malattia superiore ai 5 giorni del bambino. L’Assessore Borini ha riferito che durante l’incontro con la Ministra Lucia Azzolina, lei stessa ha promesso più assunzioni di personale Ata e docenti.

Durante l’assemblea più persone hanno fatto presente il tema delle classi “pollaio” perché, a differenza di quanto dice il Direttore dell’USR Filisetti che parla di una media di 20 alunni per classe, ci sono situazioni in cui gli alunni sono quasi 30, come nella classe prima media alla Scuola Secondaria di I grado Leopardi in cui sono 28. Su questo punto però non sono state date risposte concrete dalla Ministra. Non si hanno soluzioni per quanto riguarda il sostegno, che fino ad ora non si è adeguatamente valutato. Per esempio, nelle classi create ad hoc, metro alla mano, non sono stati considerati gli insegnanti di sostegno.

Per i Nidi l'Amministrazione Comunale è in attesa delle linee guida ma ha comunque deciso di conservare i posti degli altri anni: sarà necessaria molta corresponsabilità da parte delle famiglie. Per l’educazione degli adulti il Comune ha trovato una soluzione di 3 aule spaziose presso le scuole medie di Torrette, ma sono necessari, tuttavia, lavori di adeguamento e cablaggio, oltre ad arredi con LIM. Marasca del CPIA ha fatto presente che gli spazi trovati non sono sufficienti, considerando i numeri degli iscritti degli scorsi anni. L’Assessore Foresi si è impegnato per fare un sopralluogo per verificare tali criticità.

Sulla questione dei seggi elettorali per le elezioni regionali del 21 settembre il Comune non ha ancora comunicato nulla, dando priorità al censimento degli spazi descritto sopra, e l‘Assessore Foresi non è sembrato molto convinto che si possa in così poco tempo cercare degli spazi idonei e organizzare tutto il sistema dei seggi. Il Comitato di Ancona di “Priorità alla Scuola” ritiene che il Comune stia risolvendo l’aspetto degli spazi e arredi ma su tutto il resto manca chiarezza, soprattutto in tema di prevenzione e misure di contenimento (della serie “cosa succede se…”), sui tempi scuola e ovviamente sulla partita relativa agli organici. Nonostante gli Assessori fondamentalmente rimandino certe competenze ai Dirigenti Scolastici, soprattutto in materia di prevenzione - sicurezza sanitaria, la Sindaca è “il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio. Il consiglio comunale condivide questa responsabilità. Allo stato attuale, per una modifica della legge 833/78 non sono più i Sindaci a gestire il servizio sanitario anche se a essi sono affidati dal DLg 299/99 (decreto Bindi) poteri di programmazione, di controllo e di giudizio sull’operato del direttore generale delle ASL. I compiti della Sindaca sono quindi ampi, soprattutto deve conoscere lo stato di salute della popolazione, deve prendere provvedimenti se le condizioni ambientali sono invivibili, se esistono pericoli incombenti e, per la direttiva Seveso, deve informare la popolazione dei rischi rilevanti cui è sottoposta.”

Quindi la Sindaca è tenuta a dare un indirizzo ai DS su questi temi e dire che è affare del DS perché c’è l’autonomia scolastica non risolve i problemi. Nei centri estivi comunali sono state organizzate gite a Fiabilandia per le Materne e a Mirabilandia per le Elementari, con tanto di gita in pullman di un'ora: il tema della stabilità del gruppetto di 5-7 bambini, che era a fondamento del protocollo dei centri estivi, è venuto meno e, considerando che dal 15 Giugno fino ad oggi non sono mai state fatte uscite proprio per questioni di Covid / trasporti. La gita, scelta dal gestore (Ludus), è stata autorizzata dal Comune. Questa contraddizione, aldilà del giudizio sull’opportunità o meno della gita, svela una mancanza di omogeneità che preoccupa (le gita è successivamente stata cancellata).

Il 27 luglio una delegazione dei Comitati di “Priorità alla Scuola” di Ancona e Civitanova Marche, formata dai genitori Livia Accorroni, Milvia Marzioni e dai docenti Maila Rossi, Lidia Iezzi e Valerio Cuccaroni, ha incontrato Fabio Sturani, Responsabile della Segreteria dei Presidente Luca Ceriscioli, e Massimo Rocchi, Dirigente regionale, nella sede della Regione Marche a Palazzo Raffaello. Assente l’Assessore all’Istruzione Loretta Bravi. Livia Accorroni di “PaS” introduce la riunione illustrando sul tavolo i disegni dei bambini che hanno dato l’avvio pubblico alle attività del Comitato, puntando subito l’attenzione dei presenti sulla priorità della riapertura delle Scuole in sicurezza e dell’avvio in presenza delle attività didattiche.

Si procede, poi, alla trattazione dei seguenti punti: 1) Mappatura degli spazi scolastici 2) Risoluzione delle classi “pollaio” 3) Protocolli sui trasporti scolastici 4) Linee guida per la fascia 0-6 5) Prevenzione sanitaria 6) Requisiti minimi di erogazione della DaD per evitare disuguaglianze tra Istituti Scolastici 7) POR in scadenza al 31 luglio 2020 8) Elezioni del 20/21 settembre: nuove dislocazioni dei seggi elettorali 9) Invito ai tavoli tecnici e di confronto presso l’USR da parte di “Priorità alla Scuola” di Ancona/Civitanova Marche I rappresentanti della Giunta Regionale presenti confermano l’avvio dell’anno scolastico previsto per il 14 Settembre p.v. ma molte sono ancora le questioni da risolvere e da chiarire. Al tavolo inter-istituzionale che ha coinvolto USR, Regione, Province, Comuni e Protezione Civile e riunitosi tre volte, è stato messo a punto un sistema basato su un software per il monitoraggio delle esigenze di ogni scuola e per avere una esatta mappatura delle necessità.

Conclusi i sopralluoghi, sia i DS che i tecnici hanno stilato un apposito verbale contenente tutte le richieste di edilizia per la messa in sicurezza degli ambienti scolastici; successivamente sono state inoltrate anche le richieste di acquisto degli arredi adeguati, per mantenere il giusto distanziamento. Alcuni Istituti scolastici, purtroppo, saranno obbligati a dividere dei gruppi classe; da quest’ultimo dato emerge la grande incognita sulla possibilità di ulteriori assunzioni di personale docente e ATA che dovrebbero incrementare l’organico di diritto già mancante (40 unità in meno riferito al personale docente). La Ministra Azzolina, in visita proprio il 22 Luglio ad Ancona presso l’USR, ha garantito risorse aggiuntive per far fronte a questa necessità e anche per arginare la problematica delle classi “pollaio”.

Al momento, però, non ci sono Decreti Ministeriali in merito. Mancano ancora Linee Guida risolutive per i trasporti, per la fascia di età 0-6 anni e per i protocolli di prevenzione sanitaria. Si stanno svolgendo riunioni e confronti, ma non ci sono programmi precisi e chiari. La questione dei trasporti resta la più delicata e la più difficile da risolvere per la mancanza oggettiva di mezzi e di personale. Probabilmente si proporranno corse brevi dando la possibilità di aumentare e facilitare lo spostamento dei passeggeri; ma resta comunque una soluzione molto complicata considerando anche i tempi di percorrenza dei vari tragitti. Il Comitato Priorità alla Scuola ha chiesto un monitoraggio della Regione affinché le scuole di ogni ordine e grado, compresi i Nidi, possano riaprire in modo uniforme su tutto il territorio e con le stesse possibilità perché la scuola pubblica, in particolare, deve dare pari opportunità a tutti gli alunni e consentire alle famiglie di proseguire regolarmente nel mondo del lavoro.

Il docente Valerio Cuccaroni propone ai rappresentanti regionali la possibilità di stilare un decalogo schematico e fruibile, che contenga alcune indicazioni in merito all’erogazione della DaD in caso di un’ulteriore emergenza sanitaria, affinché non ci siano disparità tra Istituti Scolastici e perché tutti possano essere raggiunti da una connessione adeguata, con l’utilizzo di device appropriati. Precisa, inoltre, che siamo stati testimoni e operatori di una didattica emergenziale (non di “Didattica a Distanza”). Il vero apprendimento è garantito solo in presenza. A distanza si possono approfondire o recuperare alcuni contenuti attraverso un lavoro a piccoli gruppi. Il diritto allo studio, alla socializzazione e all’educazione va assicurato sui banchi di scuola.

Infine, Fabio Sturani riferisce che la Giunta Regionale ha chiesto ai vari Comuni di individuare altre sedi per lo svolgimento delle elezioni previste il 20 e 21 Settembre p.v. Sono previsti ulteriori fondi per chi riuscirà ad adoperarsi in tal senso; anche in questo caso ci sono molte difficoltà perché a giorni dovranno essere pubblicati gli indirizzi dei seggi elettorali. L’incontro si conclude con la rassicurazione circa la possibilità di poter far parte di un Tavolo Consultivo presso l’Ufficio Scolastico Regionale, in qualità di Comitato propositivo e collaborativo, oltre alla promessa di aggiornarci sulle questioni presentate per fare il punto della situazione e per monitorare l’evolversi dei lavori.


da Comitato "Priorità alla Scuola"
     Ancona







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2020 alle 15:00 sul giornale del 05 agosto 2020 - 227 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, comunicato stampa, Comitato Priorità alla Scuola Ancona, Priorità alla Scuola





logoEV