...

Il 30 ottobre di tre anni fa un’altra devastante scossa di magnitudo 6.5 (la più forte mai registrata dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980) ha colpito il centro Italia con epicentro nei pressi di Norcia provocando centinaia di feriti, enormi ulteriori crolli, danni al patrimonio e alle infrastrutture e migliaia di sfollati. Il sisma ha purtroppo aggiunto i suoi terribili effetti su un territorio che era già stato gravemente colpito dagli eventi di agosto e del 26 ottobre 2016.




...

Per l’abbattimento dell’ultimo diaframma della galleria Montecastello, lo scorso ottobre, c’erano proprio tutti: il presidente Ceriscioli, la vice Anna Casini, con caschetto giallo, l’amministratore delegato Anas, Gianni Vittorio Armani, il presidente della provincia, tanti sindaci.



...

"Si apre, oggi, un sipario: uno spettacolo si è finalmente concluso, un nuovo spettacolo va a cominciare. Si apre il sipario... e dietro c'è ancora lei, il professor Giuseppe Conte. Si tratta evidentemente di caso di trasformismo, dirà il tempo se nel senso di un Agostino De Pretis o nel senso di un Leopoldo Fregoli".





...

La scelta del candidato sindaco è sempre una fase difficile per realizzare una sintesi all’interno di un movimento politico; da un lato c’è qualche iscritto che, autonomamente e più o meno legittimamente, tenta di mantenere una posizione di rendita personale, e dall’altro ci sono simpatizzanti, militanti e dirigenti, che invece puntano sempre e solo a rafforzare la posizione di Forza Italia.


...

“Sconcertati di fronte alla colpevole inerzia del governo, non ci resta che esprimere solidarietà al sindaco di Acquasanta, Sante Stangoni, che minaccia di dimettersi se i gialloverdi continueranno ad ignorare il disperato grido di aiuto delle popolazioni terremotate”, lo scrive in una nota il senatore di Forza Italia Andrea Cangini.


...

“Ormai si è davvero passato il segno – dichiarano in una nota il Sen. Andrea Cangini, il commissario regionale di Forza Italia, Marcello Fiori, e la capogruppo in Regione, Jessica Marcozzi - Dopo 31 mesi dal sisma della ricostruzione non vi è traccia. Ancora si discute del piano delle macerie. Intanto il nostro Appennino si spopola e la gente è sempre più esasperata".