La Filiera Corta incontra la delegazione francese di \'AlimenTerra\'

biologico 2' di lettura 07/05/2009 - Una delegazione dell’associazione francese “AlimenTerra” prenderà parte domani, alle ore 10, ad un convegno in programma ad Ascoli Piceno presso Palazzo San Filippo e incentrato sulle buone pratiche della ristorazione collettiva alla presenza di rappresentanti istituzionali, operatori del settore ristorativo e della filieracorta Picena.

Al convegno, dal titolo “Dalla Filiera Corta alla ristorazione collettiva lungo una strada chiamata sostenibilità”, prenderanno parte l’assessore provinciale all’Agricoltura Avelio Marini, il sindaco di Cossignano Roberto De Angelis, il sindaco di Montefiore dell’Aso Achille Castelli, il vice-sindaco e assessore alle Attività Produttive di Massignano Elio Basili, il cuoco Maurizio Digiuni, il presidente I.O.M. (Istituto Oncologico Marchigiano) di Ascoli Ludovica Teodori e il produttore biologico Enzo Malavolta. Si tratta di un appuntamento di prestigio che rientra nel ciclo degli incontri di “Restauration Collective Durable en Italie” in programma nelle Marche dal 6 all’8 maggio a cura dell’AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica).



“AlimenTerra” da circa cinque anni cura importanti progetti finalizzati a creare un sistema alimentare più sostenibile in collaborazione con l’AIAB ed è in prima linea nel realizzare interventi, sempre a livello continentale, nel campo della ristorazione biologica e locale. La visita nel Piceno rientra in un articolato programma fatto di azioni, workshop, convegni, visite e progetti a lungo termine che l’associazione promuove in Europa e nel mondo per facilitare l’interscambio d’esperienze e “buone pratiche” nel campo della ristorazione pubblica sostenibile in collaborazione con prestigiosi referenti europei. “Le scelte nella Regione Marche – secondo Paola Trionfi, responsabile “Responsabile Ristorazione Collettiva” di AIAB - sono focalizzate alla conoscenza delle leggi che hanno favorito i consumi istituzionali biologici, tipici e locali e ai vari modelli di filiera corta ed a km zero, in particolare quello della provincia di Ascoli Piceno.



Attraverso il coordinamento regionale di AIAB Marche - prosegue Trionfi - incontreremo i produttori biologici che praticano la vendita diretta ed i rappresentanti dei Comuni che portano avanti un progetto di ristorazione scolastica sostenibile. Inoltre la Regione offre ottimi modelli sia in campo normativo sia nella ristorazione ospedaliera, come quello degli Ospedali Riuniti di Torrette”. “Per la Provincia non solo è un motivo di vanto essere presi a modello anche in ambito internazionale da prestigiosi referenti come “AlimenTerra” – spiega l’assessore provinciale all’Agricoltura Avelio Marini – ma l’incontro di domani costituisce anche una preziosa opportunità per confrontarsi e capire come sviluppare sul nostro territorio una ristorazione scolastica e privata sempre più responsabile, di qualità e fondata su prodotti agroalimentari biologici”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2009 alle 16:18 sul giornale del 07 maggio 2009 - 1055 letture

In questo articolo si parla di attualità, biologico, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno





logoEV