Amandola: Milani chiede di mantenere l\'ospedale in zona territoriale 13

ospedale 1' di lettura 26/05/2009 - In merito alla presa di posizione del commissario straordinario della Comunità Montana dei Sibillini Cesare Milani sulla richiesta alla Regione Marche di far rimanere l’ospedale di Amandola nella Zona Territoriale 13 di Ascoli Piceno escludendolo di fatto da quella di Fermo sorge naturale una puntualizzazione.

Oltre ad essere commissario straordinario dei Sibillini, Milani è anche dirigente della Zona 13 di Ascoli. Resta dunque difficile capire in quale veste parli. Per il resto sono semplicemente i fatti a dire la loro.


Gli amandolesi non sono così ingenui da credere, dopo la chiusura di ginecologia - ostetricia e fatta avanti l’ipotesi di trasferimento di chirurgia su Ascoli, che quello di Amandola possa rappresentare nella realtà sanitaria ascolana un ulteriore nosocomio strategico dopo quello piceno.


L’unico modo per far si che Amandola rappresenti un’eccellenza, basti pensare che è l’unica struttura sanitaria importante tra Camerino ed Ascoli, è quello di passare con Fermo che, oltre ad essere la sua naturale provincia di appartenenza, rappresenta l’unica vera occasione di valorizzazione per la struttura di Amandola come polo di riferimento per tutta la zona che va dalla media Valle del Tenna a quella montana.


da Enrico Gasparri
Presidente del Comitato Cittadino a difesa della vita in Montagna




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2009 alle 16:41 sul giornale del 26 maggio 2009 - 1275 letture

In questo articolo si parla di politica, Enrico Gasparri, ospedale di amandola