\'Peer Education\': informazione e consapevolezza

1' di lettura 30/05/2009 - La \"peer education\", educazione tra pari, già utilizzata con successo nel mondo anglosassone per la prevenzione dell\'infezione Hiv, da alcuni anni è adottata anche nel nostro paese, in particolare nel contesto scolastico.

La \"peer education\", educazione tra pari, già utilizzata con successo nel mondo anglosassone per la prevenzione dell\'infezione Hiv, da alcuni anni è adottata anche nel nostro paese, in particolare nel contesto scolastico. Si tratta di approccio articolato alla prevenzione che prevede una stretta integrazione tra adulti e ragazzi, tra informazione verticale e orizzontale, promuovendo pertanto un dialogo costruttivo tra le diverse generazioni.

E\' una strategia educativa che vuole favorire la comunicazione tra adolescenti riattivando lo scambio di informazioni e di esperienze interni al gruppo dei pari. Attivare processi di \"peer education\", significa favorire lo sviluppo di competenze e consapevolezze fra gli adolescenti allo scopo di ridefinire ruoli e relazioni all\'interno della scuola, e anche nella comunità, ricercando, peraltro, nuove forme di partecipazione giovanile.

Le giornate finali del progetto \"Peer Education\" realizzato dall\'Unità Operativa di Promozione ed Educazione alla salute del Dipartimento di Prevenzione della ASUR Marche - Zona Territoriale 13, con dirigente la Dott.ssa Maria Grazia Mercatili, si svolgeranno presso la sala Convegni del Centro Congressi della Confcommercio. Il 29 maggio per i ragazzi delle superiori e il 9 giugno per le secondarie di 1° grado. Entrambi gli appuntamenti avranno come titolo \"peer education: alcol e stili di vita\".





Questo è un articolo pubblicato il 30-05-2009 alle 13:37 sul giornale del 30 maggio 2009 - 1179 letture

In questo articolo si parla di attualità, Gianluca Trasatti





logoEV